rotate-mobile
Elezioni regionali 2022

Regionali, Musumeci tira dritto: "Mia ricandidatura normale e fisiologica"

Il presidente uscente tenterà il bis. La conferma arriva in chiusura della convention del suo movimento, Diventerà Bellissima, a Catania: "Credo che nessuno voglia rompere il centrodestra e nessuno vuole per l'ennesima volta il disastro di consegnare la Sicilia alla sinistra. Sono convinto che resteremo uniti"

"Musumeci è candidato. È normale e fisiologico che un presidente uscente pensi a una ricandidatura". Sono le parole del governatore, Nello Musumeci, pronunciate parlando di sè in terza persona in chiusura della convention del suo movimento, Diventerà Bellissima, alle Ciminiere di Catania. 

"Quando è arrivata la pandemia ho capito che in cinque anni non avremmo potuto fare tutto - ha aggiunto -. Dopo la semina serve il tempo del raccolto. Io credo che nessuno voglia rompere il centrodestra e nessuno vuole per l'ennesima volta il disastro di consegnare la Sicilia alla sinistra. Sono convinto che resteremo uniti". E ancora: "Questa sera abbiamo sciolto l'incantesimo, il presidente sta lavorando alla costruzione delle liste perché sarà candidato. Dicono che non mi piacciono i partiti? Io sono cresciuto in un partito. Non considero un cancro i partiti, considero un cancro la partitocrazia. I partiti devono preoccuparsi di selezionare la classe dirigente ed elaborare proposte, chi governa è il presidente con gli assessori non i partiti. Sono due cose assolutamente diverse - ha concluso Musumeci -. Quando i partiti pensano di occupare lo spazio istituzionale lì c'è una condizione patologica. A governare ci pensano gli assessori e i partiti se vogliono facciano valere le proprie richieste attraverso gli assessori. Questo presidente la giacca non se la fa tirare da nessuno".

Fonte agenzia Dire

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regionali, Musumeci tira dritto: "Mia ricandidatura normale e fisiologica"

PalermoToday è in caricamento