Procedura e informazioni per la registrazione delle coppie di fatto a Palermo

E' il termine con il quale si suole indicare la coppia costituita da due soggetti legati sentimentalmente, dello stesso sesso o meno, ma che hanno scelto di non formalizzare il loro rapporto con un matrimonio o un’unione civile

Coppia di fatto è il termine con il quale si suole indicare la coppia costituita da due soggetti legati sentimentalmente, dello stesso sesso o meno, ma che hanno scelto di non formalizzare il loro rapporto con un matrimonio o un’unione civile. La Legge n.76/2016, in vigore dal 5 giugno 2016, prevede la disciplina delle convivenze di fatto. 

Chi può fare la dichiarazione per una convivenza di fatto 

La dichiarazione per la costituzione di una convivenza di fatto può essere effettuata da due persone maggiorenni, unite stabilmente da legami affettivi di coppia e di reciproca assistenza morale e materiale, residenti nel Comune di Palermo, coabitanti e iscritte nel medesimo stato di famiglia. Gli interessati non devono essere legati tra loro da vincoli di matrimonio o da un'unione civile, né da rapporti di parentela, affinità o adozione.  

Chi fa parte di un'unione civile 

La dichiarazione non può essere effettuata da coloro che facciano già parte di una unione civile, i cui effetti non siano cessati al momento della domanda di iscrizione, né dalle persone coniugate fino al momento dell'annotazione dello scioglimento o della cessazione degli effetti civili del matrimonio sull'atto di matrimonio. Per le coppie che si erano già iscritte al Registro delle Unioni Civili del Comune di Palermo occorre manifestare nuovamente la volontà, in applicazione della nuova legge nazionale, e quindi seguire la procedura sopra indicata. 

Come dichiarare una convivenza di fatto

Gli interessati devono presentare l'apposita dichiarazione sottoscritta da entrambi unitamente alle copie dei documenti d'identità. La dichiarazione può essere resa sia da una coppia già residente nella medesima famiglia anagrafica sia al momento della dichiarazione di residenza/domicilio, in caso di trasferimento da altro Comune o domicilio.

La dichiarazione può essere inoltrata: 

  • via email a cambioabitazione@comune.palermo.it
  • alla casella pec:anagrafe@cert.comune.palermo.it
  • posta raccomandata: Servizio Anagrafe e Stato civile, viale Lazio119/a - 90144, Palermo
  • presentarsi presso l'ufficio Anagrafe di viale Lazio,119/a (dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle 12.30, il mercoledì dalle ore 15.00 alle ore 16.30)

L'inoltro via casella email è consentito seguendo una delle seguenti modalità:

  • acquisizione mediante scanner della copia della dichiarazione recante le firme autografe e delle copie dei documenti d'identità dei dichiaranti e trasmissione tramite casella di posta elettronica semplice o via pec
  • sottoscrizione della dichiarazione con le firme digitali di entrambi i dichiaranti e invio della stessa tramite casella di posta elettronica semplice o pec

Cancellazione di una convivenza di fatto

La cancellazione della convivenza di fatto può avvenire nei seguenti casi:

  • d'ufficio in caso di cessazione della situazione di coabitazione nel Comune di Palermo di uno o entrambi i componenti della convivenza di fatto o in caso di matrimonio e unione civile
  • su richiesta qualora vengano meno i legami affettivi di coppia e di reciproca assistenza morale e materiale. La cancellazione avverrà su domanda di una o di entrambe la parti interessate. La richiesta di scioglimento della convivenza di potrà essere inviata con le stesse modalità della dichiarazione di convivenza di fatto sopra riportate.

Nel caso di richiesta di cancellazione di una sola parte interessata il Comune provvederà a inviare all'altro componente la relativa comunicazione. L'ufficiale d'anagrafe rilascia la certificazione anagrafica relativa alla convivenza di fatto. 

Sottoscrizione di un contratto di convivenza, disciplina dei rapporti patrimoniali

I conviventi di fatto possono facoltativamente disciplinare i rapporti patrimoniali relativi alla loro vita in comune con la sottoscrizione di un "contratto di convivenza" che deve essere stipulato, anche in caso di successive modifiche o risoluzione mediante atto pubblico o scrittura privata autenticata da un notaio o un avvocato. I contratti di convivenza devono essere trasmessi dal notaio o dall'avvocato al comune di residenza dei conviventi entro i successivi dieci giorni dall'avvenuta stipula a mezzo pec al seguente indirizzo: anagrafe@cert.comune.palermo.it. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • Scambio di morti per Covid all'obitorio del Civico, famiglia seppellisce la salma di un altro

Torna su
PalermoToday è in caricamento