Elezioni, ecco gli assessori di La Vardera: "Candidato minore? Al ballottaggio poi rideremo..."

L'aspirante sindaco sostenuto da Noi con Salvini, Fdi e Il Centro Destra presenta la sua squadra. Al momento nessuna donna. Vincenzo Mancino si aggiunge a Gentile, Caruso, Scalzo, Borgese e Zoccola. "Esclusione dai confronti insostenibile censura"

La conferenza stampa di presentazione degli assessori designati

Parla di "insostenibili censure" e non ci sta a essere trattato come "un candidato minore". Per Ismaele La Vardera "solo gli elettori potranno decretare chi è un big o meno, non certo i sondaggi". Così l'aspirante sindaco sostenuto da Noi con Salvini, Fratelli d'Italia e Il Centro Destra è intervenuto sull'esclusione sua, della Spallitta e di Lomonte prima dal confronto su La7 e ieri dalla tavola rotonda sull'edilizia organizzata dall'Ance. "Fossi stato in Orlando, Ferrandelli e Forello - ha sottolineato l'ex Iena - non avrei accettato l'invito". Gli fa eco Giampiero Cannella, coordinatore regionale Fdi: "Quando qualcuno al ballottaggio chiederà il sostegno dei 'minori', poi rideremo...".

L'occasione per mettere i puntini sulle "i" è la presentazione della squadra di assessori designati dal candidato sindaco. Quando è stata depositata la lista, alla commissione elettorale erano stati indicati Davide Gentile alle Politiche giovanili e al Decentramento, Carmelo Caruso alla Cultura, Gigi Scalzo alla Famiglia, Totò Borgese allo Sport, Benedetto Zoccola all'Ambiente (vicesindaco di Mondragone, assente alla presentazione); oggi si è aggiunto Vincenzo Mancino che ha ricevuto la delega alle Attività produttive.

Sale quindi a sei la squadra sin qui allestita da La Vardera, che ha spiegato: "Io sono solo il frontman di una squadra fatta da ottimi professionisti". Ognuno degli assessori in pectore ha illustrato le proposte relative alla rispettiva delega, non senza qualche nota polemica nei confronti dell'amministrazione uscente. "Abbiamo un patrimonio artistico e umano immenso. Eppure i nostri giovani vanno altrove, mentre noi accogliamo chi viene da altre esperienze: la storia giudicherà" ha dichiarato il maestro Caruso - dal 2001 al 2011 direttore del Conservatorio - al quale andrebbe anche l'incarico di vicesindaco. "Palermo - ha aggiunto - deve attirare cultura e capitali, 'no' alle masturbazioni intellettuali. Le attività culturali inoltre non possono essere appannaggio sempre dei soliti quattro che si sparticono la torta".

Viene da un'esperienza di 10 anni da consigliere di circoscrizione Davide Gentile, secondo cui "sul decentramento nella sindacatura Orlando è stato fatto il nulla. Un disastro firmato Giusto Catania. I consiglieri di circoscrizione non sono buoni solo per portare voti in campagna lettorale. E non dovrebbero fare i segnalatori una volta in carica, ma avere poteri veri per incidere nella vita amministrativa". I giovani? "Il fatto stesso di aver puntato sul candidato più giovane, la dice tutta", ha aggiunto Gentile.

"Lo sport è di tutti - ha spiegato Totò Borgese - ma non è per tutti. Nel senso che lo sport ci abitua al rispetto delle regole. Merce rara in questa città. Sport significa capacità di avere obiettivi, non servono grandi progetti ma almeno delle strutture adeguate e personale competente che sia in grado di gestirle al meglio. Allo stadio delle Palme - ha chiosato Borgese, sfoggiando la sua vena di cabarettista - sono rimaste solo le palme...".

A Gigi Scalzo, presidente del forum delle famiglie, non poteva che andare la delega alla famiglia, definita "il perno della società". "Il ruolo delle donne - ha rimarcato - è fondamentale. Bisogna ribaltare i punti di vista: una mamma casalinga è un managr, come se fosse il direttore generale della famiglia, ma anche un ministro dell'Istruzione o della Salute". Al momento però nell'ipotetica Giunta non c'è nessuna quota rosa: "Abbiamo ancora due posti vacanti, ci penseremo", ha concluso La Vardera. "Chiederemo un assessore alla Sicurezza - ha annunciato Cannella - per intervenire in maniera sinergica con le forze dell'ordine. Magari potrebbe essere una donna. La polizia municipale deve fare più prevenzione, Orlando invece la sta usando come se fosse lo sceriffo di Nottingham". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento