Lunedì, 15 Luglio 2024
Costume e Società

Natale, la Feltrinelli cerca volontari per impacchettare i regali e aiutare le bambine vittime di violenza

Mani Tese, in collaborazione con le librerie palermitane, è alla ricerca di 100 persone per il periodo natalizio così da sostenere i progetti a favore delle bambine e delle donne in Guinea-Bissau vittime di sfruttamento e matrimoni forzati

Torna, dopo un anno di arresto a causa dalla pandemia, la campagna di raccolta fondi natalizia "Molto più di un pacchetto regalo" di Mani Tese in collaborazione con laFeltrinelli. Quest’anno la campagna sarà a sostegno dei progetti dell’Ong a favore delle bambine e delle donne vittime di violenza e sfruttamento in Guinea-Bissau.

Per realizzare la campagna, Mani Tese cerca 100 volontari e volontarie a Palermo che vogliano dedicare qualche ora del proprio tempo per impacchettare regali presso le librerie laFeltrinelli dal 3 al 24 dicembre 2021 e sostenere così i progetti di cooperazione. Sul sito www.manitese.it, nella pagina dedicata alle città, è possibile visionare la lista delle librerie interessate.

Quattordici anni di solidarietà

“Molto più di un pacchetto regalo” è un’iniziativa di sensibilizzazione e di raccolta fondi natalizia di Mani Tese realizzata in collaborazione con laFeltrinelli che ogni anno raccoglie fondi per realizzare progetti di sviluppo nel Sud del mondo. I volontari e le volontarie che partecipano alla campagna offrono qualche ora del proprio tempo per confezionare libri e oggetti acquistati dai clienti delle librerie laFeltrinelli nel periodo prenatalizio (dal 3 al 24 dicembre). La campagna, giunta ormai alla sua XIV edizione, quest’anno interesserà 53 città e 70 librerie in tutta Italia e finanzierà i progetti di Mani Tese in Guinea-Bissau.

La condizione femminile in Guinea-Bissau

La Guinea-Bissau è il Paese più povero dell’Africa Occidentale. Secondo l’Indice di sviluppo umano si colloca al 175° posto su 188 Paesi, e ancora oggi il 67% della popolazione vive sotto la soglia di povertà (Undp 2020). In un simile contesto, causato dall’instabilità politica e da una grave carenza di lavoro e di risorse, gli episodi di sfruttamento e di violenza sulle persone più indifese, come le donne, le ragazze e le bambine, sono purtroppo all’ordine del giorno. 

Nel 2018 il Paese si è collocato al 178° posto su 186 nel Gender Inequality Index. Oltre il 52% delle donne è analfabeta, contro un 29% degli uomini. Molte donne non finiscono la scuola per il matrimonio precoce e la gravidanza: circa il 10% delle ragazze sono costrette a sposarsi prima dei 15 anni, il 29% prima dei 18. Il 29% di ragazze tra gli 0 e i 14 anni e il 44% di donne tra i 15 e i 49 anni, inoltre, ha subito mutilazioni genitali femminili (Unicef, 2020).

L’azione di Mani Tese

Mani Tese è impegnata in Guinea-Bissau da oltre 40 anni con progetti di cooperazione che prevedono in modo trasversale la protezione dei soggetti più vulnerabili, in particolare di bambine e donne vittime di violenza e sfruttamento. Sono tre gli obiettivi che Mani Tese persegue nella sua attività:
 
1. Protezione delle vittime
Mani Tese sostiene un Centro di Accoglienza per bambine e ragazze vittime di matrimonio forzato e precoce e per donne vittime di violenza che garantisce loro protezione e formazione affinché possano sviluppare le proprie attitudini e raggiungere l’indipendenza economica favorendone il reinserimento sociale.

2. Prevenzione della violenza e dello sfruttamento
I fenomeni di violenza e sfruttamento avvengono soprattutto in contesti di estrema povertà. Mani Tese si impegna a migliorare la situazione socio-economica delle categorie a rischio attraverso la formazione professionale e il supporto all’avvio di attività lavorative e imprenditoriali, il sostegno alla filiera orticola, alla filiera produttiva dell’arachide e alla filiera avicola.

3. Sensibilizzazione, educazione e informazione
Creare un contesto sfavorevole alla violenza significa informare la popolazione attraverso campagne di sensibilizzazione (tramite corsi, Djumbai ovvero i dibattiti che coinvolgono l’intera comunità, teatro, interventi nelle scuole secondarie e trasmissioni radiofoniche), la promozione dei servizi che si occupano di educazione e istruzione e la costituzione, nei villaggi, di comitati di persone con il compito di monitorare e denunciare situazioni di rischio o di violenza.

Come partecipare alla campagna

Per partecipare a “Molto più di un pacchetto regalo” è sufficiente avere 16 anni compiuti e almeno 4 ore di tempo da dedicare all’attività di volontariato. È possibile iscriversi direttamente on line alla pagina della campagna dedicata alla città. L’esperienza di volontariato avverrà in sicurezza secondo le norme anti Covid-19.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Natale, la Feltrinelli cerca volontari per impacchettare i regali e aiutare le bambine vittime di violenza
PalermoToday è in caricamento