Giornata mondiale del rifugiato, Orlando: "Abolire il permesso di soggiorno"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

In occasione della Giornata mondiale del rifugiato del 20 giugno prossimo, il sindaco di Palermo Leoluca Orlando lancia un appello alla Comunità internazionale affinché prenda seriamente in considerazione il contenuto della Carta di Palermo, nella quale si chiede l'abolizione del permesso di soggiorno, "che é diventato strumento di tortura e di arricchimento di gente senza scrupoli".

Il primo cittadino richiama il "sentimento di umanità che dovrebbe albergare in ogni uomo verso coloro che fuggono dalla morte e dalla miseria. In un secolo che sancirà il riconoscimento dei diritti dei migranti il nostro punto di riferimento sarà  costituito dai diritti umani, partendo dal diritto umano alla mobilità. Sarebbe molto bello riuscire a garantire ad ogni essere umano il diritto di scegliere dove vivere e dove morire, senza essere comandato a condurre la propria esistenza dove l'hanno fatto nascere il padre e la madre".

L'assessorato alla Cittadinanza Sociale, proprio in occasione della ricorrenza della Giornata mondiale ha organizzato diverse iniziative, in collaborazione con i centri del SPRAR (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati).

In particolare l'assessorato invita a partecipare ai due eventi previsti:

- 19 giugno, a partire dalle ore 9 del mattino, presso lo Sport Village Tommaso Natale di viale Aiace 101, dove si svolgerà un torneo di calcetto, con lo slogan "Sport è integrazione".

- il 20 giugno, presso la Casa San Francesco, in vicolo Infermeria dei Cappuccini n. 3, dalle 10.00 alle 13.00 , dove avrà luogo l'incontro pubblico 'Lo SPRAR (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati) apre le porte alla Città" che comprende
un confronto tra beneficiari ed operatori del Servizio, la visita guidata di uno SPRAR e una mostra fotografica:


 

Torna su
PalermoToday è in caricamento