rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Regionali Sicilia 2017

La lunga corsa verso le Regionali, spunta il nome di Pietro Grasso

I vertici nazionali del Pd hanno trovato nel presidente del Senato il nome che può mettere tutti d'accordo, compresi Matteo Renzi e Matteo Orfini

Corsa alle Regionali, il Pd punta forte su Piero Grasso. La notizia è di queste ore: i vertici nazionali dei dem hanno trovato nel presidente del Senato il nome che può mettere tutti d'accordo, compresi Matteo Renzi e Matteo Orfini. Quella di Grasso sarebbe la figura ideale per superare i conflitti interni nel Pd siciliano. 

“Se l’ipotesi della candidatura di Grasso come Governatore della Sicilia per le prossime elezioni regionali, fosse più di una indiscrezione giornalistica sarebbe una buona notizia, innanzitutto per i cittadini e le cittadine siciliani - dicono in coro Bianca Guzzetta e Luca Casarini, segretari regionali di Sinistra Italiana Sicilia -. In mezzo a lotte tra correnti e populismi di destra camuffati da “nuovo che avanza”, gli elettori troverebbero la possibilità di scegliere una persona onesta, con la forza e la biografia necessarie a mantenere indipendenza di fronte a pressioni di ogni tipo, con la chiara visione di cosa sia la Sicilia e di che cosa bisogna fare per cambiarla in meglio”.

“Il Presidente Grasso sarebbe una garanzia concreta anche per le forze politiche come la nostra che intendono dare battaglia sulle grandi questioni che sono in campo – spiegano Guzzetta e Casarini - come il tema del lavoro, sganciato dall’idea che la Sicilia possa solo essere il luogo da dove si emigra o dove si possono sfruttare a basso costo risorse e persone perché qualcun altro e ad altre latitudini si possa arricchire a dismisura; la grande battaglia contro la povertà, sostituita spesso dai governi da quella contro i poveri, che necessita di politiche di contrasto serie, strutturali e legate anche ad una idea nuova di welfare e di sviluppo; la formazione, dalla scuola e dall’università alla ricerca, avvilite da decenni di ruberie e privilegi baronali che hanno trasformato una grande questione strategica e di diritto all’emancipazione di tutti i cittadini, in bancomat per le lobby politico mafiose e posti da elargire alle clientele. Siamo convinti che la candidatura di una personalità come quella del Presidente Grasso potrebbe essere quello che ci vuole per impedire che la palude della politica permetta che a sguazzare siano i vecchi arnesi delle mafie, che già tornano alla ribalta come dimostrano le elezioni di Palermo, ripuliti, ma sempre con la stessa arroganza e voracità”, concludono i due segretari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La lunga corsa verso le Regionali, spunta il nome di Pietro Grasso

PalermoToday è in caricamento