"Caro Federico", la mostra di Airò e Concialdi alla Gam

Venerdì 20 maggio alle ore 19,00 presso la Gam - Galleria d'Arte moderna, nell'ambito del progetto "Sicilia Contemporanea" si terrà l'inaugurazione della mostra di Mario Airò e Ginaluca Concialdi "Caro Federico".

L'esposizione resterà aperta dal 21 maggio 2016 al 30 giugno. L’Associazione Ars Mediterranea, in collaborazione la Galleria d’Arte Moderna, presenta la nuova tappa di “Sicilia Contemporanea”, il progetto espositivo che ha l’obiettivo di offrire uno sguardo sui linguaggi della contemporaneità all’interno di un museo con una collezione storicizzata.

Con la mostra Caro Federico di Mario Airò e Gianluca Concialdi si è scelto di commissionare la realizzazione di un’istallazione site-specific a Gianluca Concialdi, giovane artista palermitano che negli ultimi anni ha raccolto un crescente consenso in Italia e all’estero.

L’opera di Concialdi è un’installazione a due livelli di lettura: lo spazio è concepito come un insieme di elementi del mondo della natura e del paesaggio urbano. Un wall painting dipinto con l’inchiostro estratto dalle seppie combinato con elementi provenienti dal suo immaginario quotidiano legato alla città, espresso per esempio attraverso il riutilizzo di materiali usati nella segnaletica autostradale, come le microsfere di vetro catarifrangenti.

“L'intento è di mischiare diverse nature ambientali – afferma l’artista - creando una connessione ideale tra due mondi che trovano in me la loro realtà. Due dimensioni dell'ambiente dove vivo dello spirito e dell'identità con una continua ricerca verso la materia ma con una forte connotazione trascendentale”.

Concialdi ha voluto coinvolgere nella realizzazione del progetto anche Mario Airò, personaggio tra i più influenti della sua generazione, creatore di opere che si rivolgono all’immaginazione utilizzando oggetti, immagini, testi, suoni e fonti luminose, capaci di trasformare in spazi mentali gli ambienti e i luoghi che le accolgono. Come in “Acqua Tonica”, istallazione ambientale del 1994 che crea un paesaggio di luce fluorescente ottenuto sfruttando l’effetto naturalmente creato dal chinino, sostanza contenuta nelle bottiglie di acqua tonica, quando viene illuminato da luci wood.

L’esposizione ha il sostegno di:
 L’Ascensore, Mandrarossa, Elenka, HotelSphere, Palermo. Contatti: Antonio Gerbino 091 8431605 – 335 413512 – press@gampalermo.it Rosanna Piscione

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Museo Diocesano, la riapertura con la mostra "Architetture barocche in argento e corallo"

    • dal 10 luglio al 10 ottobre 2020
    • Museo Diocesano
  • Geraci Siculo, il calice del monastero di Santa Caterina in mostra al museo parrocchiale

    • Gratis
    • dal 22 agosto al 31 dicembre 2020
    • Museo parrocchiale
  • Terracqueo, una grande mostra sul Mediterraneo va in scena a Palazzo Reale

    • dal 16 settembre al 30 novembre 2020
    • Palazzo Reale

I più visti

  • Mercato del contadino a Ficuzza: ogni domenica l'appuntamento enogastronomico

    • Gratis
    • dal 26 luglio al 25 ottobre 2020
    • Real Casina di Caccia di Ficuzza
  • Ville nobiliari, musei gioiello, chiese nascoste e case d’artista: Le Vie dei Tesori debutta a Bagheria

    • dal 12 al 27 settembre 2020
    • luoghi sul sito
  • TerrAmare, ogni martedì due itinerari culturali con degustazioni alla scoperta di Terrasini

    • dal 18 agosto al 22 settembre 2020
    • Vari luoghi, vedi nell'articolo
  • Museo Diocesano, la riapertura con la mostra "Architetture barocche in argento e corallo"

    • dal 10 luglio al 10 ottobre 2020
    • Museo Diocesano
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    PalermoToday è in caricamento