"E' tempo di una nuova alba", dopo il Covid un video per la promozione turistica di Cefalù

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"E' tempo di una nuova alba". Riparte da questo slogan la promozione turistica del Comune di Cefalù, dopo l’emergenza Coronavirus che ha fatto tanti danni sociali ed economici.

In vista dell’estate parte da questi presupposti e si sviluppa la realizzazione di un video dalla doppia valenza, sociale e promozionale, realizzato da tutti gli studi fotografici della cittadina medievale, presente sulla pagina Facebook del portale “VisitCefalù”.

"Come immaginiamo - dicono i produttori del video - il tempo della nuova vita che ci aspetta ad emergenza finita? Come immagineremo i nostri rapporti sociali, il nostro modo di vivere la città, il modo di fare turismo ed accogliere il turista? E' questo che, attraverso le immagini, vogliamo raccontare. Cefalù, in questo momento, sente il bisogno di esprimersi attraverso immagini che parlino di bellezza, angoscia, speranza e volontà di ripartire sotto presupposti nuovi. Dando valore a ciò che conta davvero. Vogliamo essere protagonisti di questa ripartenza e pionieri di questo nuovo messaggio".

I soldi destinati alla realizzazione di questo video sono stati devoluti in beneficenza dagli studi fotografici. "Ci tengo a ringraziare i professionisti coinvolti in questo progetto - afferma l’assessore al Turismo e alle attività produttive del Comune di Cefalù Simone Lazzara - per l’impegno profuso e per il gesto nobile di volere devolvere il contributo in beneficenza".

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento