Coronavirus, Filca-Fillea-Feneal: "Vicini ai lavoratori dei cantieri edili"

Istituzioni regionali si attivino per garantire misure sociali

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Vogliamo esprimere tutto il nostro sostegno e la nostra vicinanza ai lavoratori dei cantieri edili e a tutte le aziende che, tra le tante difficoltà, provano a continuare a produrre anche quando purtroppo le condizioni di lavoro e quelle logistiche non sono le più adeguate a fronteggiare l'emergenza e a rispettare le direttive del governo". Lo dicono in una nota congiunta, il segretario regionale della Filca Cisl, Paolo D'Anca, il segretario della Fillea Cgil, Mario Ridulfo, e quello della Feneal Uil Francesco Di Martino, che aggiungono: "Sono infatti tantissime le segnalazioni che ci sono arrivate: dalla difficoltà di reperire le mascherine da utilizzare negli spostamenti interni con i mezzi di cantiere che raggruppano più di due persone a mezzo, all'impossibilità di consumare il pasto nelle locali delle mense perché sono chiusi così come quella di mantenere la distanza di almeno un metro l'uno dall'altro.E questi sono solo alcuni dei disagi riscontrati. È neccessario -continua la nota- adottare misure sociali di sostegno e tutela dei lavoratori, che in queste settimane stanno stringendo i denti per portare a casa un pezzo di pane e soprattutto- conclude la nota- e' fondamentale che le istituzioni regionali si attivino immediatamente, facendo ciascuno la propria parte per dare una risposta concreta ai tanti lavotarori sui quali grava pesantemente oltre alla paura un clima di profonda incertezza sul proprio futuro".

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento