Giovane ambasciatore di Palermo: "Si contribuisca ad una risposta globale alla crisi di Covid-19"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Edward Richard Junior Bosco, 28 anni di Palermo e Giovane Ambasciatore dell’organizzazione anti-povertà ONE, ha incontrato la Viceministra alla Cooperazione allo Sviluppo, Emanuela Del Re, in un incontro video-conferenza.

Bosco, con gli altri Ambasciatori di ONE, sta facendo una campagna per assicurarsi che il governo italiano sostenga la parità di accesso e distribuzione di un futuro vaccino Covid-19, in modo che anche i paesi a più basso reddito ne possano beneficiare. Questo monito trova particolare rilevanza in vista della conferenza internazionale del 4 maggio, organizzata dall’Unione europea per formulare una risposta collettiva all’epidemia odierna. L'UE e i suoi partner mirano a raccogliere 7,5 miliardi di euro in finanziamenti per garantire che, una volta disponibili, i nuovi vaccini e trattamenti per il Covid-19 vengano distribuiti equamente. Edward Richard Junior Bosco ha dichiarato:“Sono entusiasta del supporto ricevuto della Viceministra Del Re. Come noi, sono in molti a credere che gli investimenti nello sviluppo di lungo periodo siano fondamentali in un’era di molteplici sfide ed incertezze. L’Italia può e deve fare la sua parte affinché la ricerca, la produzione e la distribuzione di vaccini, essenziali per il benessere globale, non seguano una battuta d’arresto. La cooperazione deve essere al centro della risposta globale a questa crisi perché nessuno di noi è al sicuro finché non lo saremo tutti." Il Giovane Ambasciatore ha sottolineato la necessità che l’Italia, con gli altri leader mondiali, si operi per una risposta collettiva saldamente fondata sul multilateralismo, la solidarietà e la cooperazione. Emily Wigens, direttrice di The ONE Campaign UE, ha dichiarato: “Per sconfiggere il virus dobbiamo agire ambiziosamente a livello globale, non solo a livello locale. Dobbiamo sviluppare un vaccino e trattamenti efficaci che siano disponibili a tutti perché se il virus esiste in qualsiasi parte del mondo, tutti noi ne siamo a rischio. Aiutare a salvare vite umane nei paesi più poveri aiuterà a salvare vite umane a livello globale, quindi abbiamo bisogno di leader che rispettino la chiamata di questi giovani attivisti e che si intensifichino e rispondano a questa richiesta iniziale di finanziamento ".

Torna su
PalermoToday è in caricamento