Laboratori creativi per i bambini del Capo

Il Centro buddhista Muni Gyana contro la povertà educativa

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Il Centro Muni Gyana ha intrapreso nell’ultimo anno un percorso di attività in ambito sociale grazie al supporto dell’Unione Buddhista Italiana e dell’organizzazione Hryo, Human Rights Youth Organization. Si tratta di laboratori artistici e di iniziative creative sviluppati all’interno del quartiere Capo di Palermo, volti al contrasto della povertà educativa. Nell’ambito del progetto “di Capo in Capo”, e nonostante la pandemia da Covid-19 abbia causato il trasferimento online di molte delle attività laboratoriali che in precedenza si svolgevano in presenza e con un contatto diretto, i volontari hanno sviluppato approcci educativi legati alla creatività e tutorial che fossero di ispirazione ai giovani e ai bambini per animare positivamente il loro tempo libero in questo periodo particolarmente difficile di chiusura e offrire anche un supporto agli educatori e ai genitori che si trovano a fronteggiare questa una nuova quotidianità.

Si è preferito utilizzare materiali riciclati, facilmente reperibili, per educare ulteriormente i giovani ad un approccio “zero waste”, e puntare sul teatro di marionette e lo storytelling, fotografico, per stimolare i ragazzi a raccontare e a raccontarsi. “Ci auguriamo che in questo modo la comunità locale di un quartiere storico come il Capo sia restituita ai giovani attraverso una nuova prospettiva di osservazione e di vivibilità”, afferma Marco Farina, direttore del centro Muni Gyana.

Torna su
PalermoToday è in caricamento