Il palermitano Alessandro Mancuso canta "L'amore che conosco"

Vincitore del premio MUSICULTURA (2004) con la band etno de iBeatiPaoli e Migliore artista rivelazione al M.E.I., Mancuso, intervistato in anteprima da Huffington Post, racconta l’amore nelle sue infinite sfaccettature.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Si intitola “L’amore che conosco” il nuovo disco del cantautore palermitano Alessandro Mancuso, prodotto da Canora Production, e in uscita il prossimo 6 maggio sulle principali piattaforme digitali. Vincitore del premio Musicultura (2004) con la band etno de iBeatiPaoli e Migliore artista rivelazione al M.E.I., Mancuso, intervistato in anteprima da Huffington Post, racconta l’amore nelle sue infinite sfaccettature. Undici canzoni che si incastrano come pezzi di un mosaico, in cui ogni tessera rappresenta un momento importante nella vita del cantautore, che celebra così i suoi primi 40 anni, con un disco autobiografico, in cui protagonista è la musica d’autore.

Dalle passioni adolescenziali, alle relazioni più durature, dalla nascita di un figlio al rapporto combattuto con un padre molto amato, “L’amore che conosco” è espressione di un cammino costellato da innumerevoli incontri, ma anche da separazioni. Racconti che disegnano i contorni di uno spazio intimo, che Mancuso restituisce in versi al grande pubblico, affrontando anche temi di grande interesse sociale come il bullismo e il razzismo.

Se in “Daltonico” il cantautore siciliano, che nel 2008 ha ricevuto l’Oscar del Mediterraneo per il suo grande impegno in ambito artistico, pone l’attenzione su una delle piaghe sociali del nostro tempo, ovvero il razzismo, in “126 gradini” dà voce al disagio vissuto da troppi adolescenti, vittime di violenza verbale e fisica da parte dei loro coetanei. Autore, compositore, produttore, direttore artistico, fin dagli esordi Mancuso ha sperimentato la musica in tutte le sue declinazioni

Nel 2005 duetta con Lucio Dalla in occasione del Premio Archimede e un anno più tardi è sul palco con Claudio Baglioni per interpretare "Io dal mare". “L’amore che conosco”, anticipato dal singolo “Ragione e Sentimento”, è anche il lieto fine di una favola moderna, in cui a fare incontrare i protagonisti è proprio la musica. Il nuovo disco, infatti, arriva dopo l’incontro con il mecenate Benito Capobianco, che racconta: “Quella di Mancuso è una musica intensa, capace di far vibrare le corde dell’anima, toccando nel profondo. Fin dalla prima volta che lo ascoltai rimasi stupito dalla potenza evocativa dei suoi versi e decisi di investire sul suo talento" .

Produzione: Benito Capobianco per Canora Productions Produzione Artistica: Maurizio Rosa e Roberto Rosu Arrangiamenti, programmazione e chitarre: Maurizio Rosa Batteria, percussioni: Giovanni Colasanti Basso: Mario Guarini Flicorno: Gianfranco Campagnoli Violini e programmazione archi: Mario Gentili Cori: Fabiana Conetta, Gabriele Di Domenico, Francesca Pansironi Registrazioni: Roberto Rosu e Gabriele Di Domenico T2 Studio Mix: Roberto Rosu e Gabriele Di Domenico BobulateStudio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento