La promessa di Musumeci: "A dicembre la Sicilia avrà il piano rifiuti"

Il piano stralcio, varato dalla Giunta, è già stato votato dalla commissione all'Assemblea regionale siciliana. Il presidente della Regione ha annunciato una prossima visita del ministro all'Ambiente Costa

Il governatore Nello Musumeci

"A dicembre, come promesso, avremo il piano regionale dei rifiuti. Il piano stralcio, varato dalla Giunta, è già stato votato dall'apposita commissione all'Assemblea regionale siciliana". Lo ha annunciato il governatore Nello Musumeci, incontrando i giornalisti per presentare gli strumenti di prevenzione ambientale varati dalla Regione. Accanto a Musumeci anche l'assessore al Territorio e ambiente Toto Cordaro.

"Ieri sera ho avuto un colloquio telefonico con il ministro dell'Ambiente Sergio Costa, che è stato garbato, - ha aggiunto Musumeci -. Era assolutamente informato delle cose da noi fatte e di quelle che faremo. Il ministro ha colto l'invito del governo a venire, gli faremo conoscere alcune realtà dell'Isola"

L'annuncio del governatore arriva dopo un'altra nottata di lavoro intenso per i vigili del fuoco, impegnati a fronteggiare i roghi di rifiuti in diverse parti del capoluogo siciliano.

Il piano rifiuti non è il solo step che il governo si è prefissato. "Stiamo predisponendo - ha spiegato Musumeci - il piano strategico delle Zone economiche speciali, queste straordinarie opportunità messe a disposizione dal governo nazionale, d'intesa con gli organismi comunitari, per facilitare gli insediamenti industriali nelle aree portuali di Palermo, Messina e Catania. Sulle Zes  non abbiamo trovato neanche un foglio di carta, stiamo partendo da zero". 

Sono invece già stati varati il Piano del risanamento della qualità dell'aria, il Piano di gestione del rischio alluvioni e il Piano del rumore. I documenti, deliberati dalla giunta e trasmessi al ministero dell'Ambiente. "Si tratta di tre strumenti che mancavano - ha illustrato Musumeci -. Una carenza evidente e assai grave nella tutela dell'ambiente e del territorio. Su questi documenti era stata già avviata una attività negli anni precedenti, ma negli ultimi cinque anni tutto si era arenato con seri rischi". Dopo aver ricordato che in virtù dei ritardi nell'approvazione dei piani la Sicilia ha "sfiorato le misure di infrazione" e che il rischio "è stato neutralizzato all'ultimo minuto", Musumeci ha sottolineato che: "In sette mesi il dipartimento Ambiente della Regione è riuscito a varare tutti e tre gli strumenti di pianificazione". Soddisfatto anche Cordaro, secondo cui "queste tre attivitàdi pianificazione invertono la tendenza rispetto alla assoluta mancanza di una strategia dei piani. Il prossimo impegno - ha aggiunto l'assessore al territorio e ambiente - sarà quello di portare a casa il Piano delle aree a elevato rischio ambientale: Pace del Mela, Gela e Siracusa". 
 

(Fonte agenzia Dire)
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in via Pitrè, muore travolto da uno scooter mentre passeggia con il cane

  • "C'è un uomo con un mitra sotto braccio!": panico alla Cala, arrivano le squadre speciali

  • Omicidio di Ana Maria, parla l'ex compagno: "Mi ha detto che aspettava un figlio da me"

  • Poliziotti si fingono inquilini e scovano super latitante in casa: arrestato Pietro Luisi

  • Incidente a Partinico, perde il controllo dello scooter e cade: morto 21enne

  • Zona via Belgio, si suicida lanciandosi dal quarto piano: paura davanti a una scuola

Torna su
PalermoToday è in caricamento