giovedì, 17 aprile 11℃

Traffico di droga con il Messico: undici palermitani coinvolti

Alcuni vicini al clan mafioso dei Graviano. La "roba" nascosta in un forno assieme a 450 chili di hashish. L'indagine è partita nel 2006 in seguito a una segnalazione della Dea americana

Redazione22 maggio 2012
22

Scoperta dalla polizia un'organizzazione internazionale di trafficanti di droga che importava cocaina e hashish in Italia. Trentaquattro i provvedimenti restrittivi emessi dal Gip di Palermo su richiesta della Dda ed eseguiti dalla squadra Mobile, in collaborazione con la Direzione Centrale Servizi Antidroga e la Direzione Centrale Anticrimine nell''operazione denominata "Monterrey" (guarda il video). Undici dei 34 ordini di custodia hanno raggiunto palermitani ritenuti vicini al clan mafioso dei Graviano di Brancaccio. L'indagine è partita nel 2006 in seguito a una segnalazione della Dea americana e ha portato, sei anni fa, a due grossi sequestri di droga: 5 quintali di cocaina dall'elevatissimo principio attivo (84%). La droga era nascosta in un forno assieme a 450 chili di hashish e trasportata su un camion da tre polacchi. Il forno era stato prodotto in Messico, ma la cocaina secondo gli inquirenti era colombiana.

Dopo un viaggio intercontinentale, il carico aveva fatto tappa in Olanda ed era stato sdoganato a Milano. Poi il forno era stato caricato su un camion diretto a Napoli e intercettato però dalla polizia. Sercondo gli investigatori il valore medio sul mercato italiano della droga oscillerebbe tra gli 80 e i 100 milioni di euro. Contrariamente al solito, gli inquirenti sono partiti dai vertici dell'organizzazione per arrivare poi ai pusher e ai consumatori. In Messico, uno degli arrestati avrebbe fatto da intermediario con un gruppo di “narcos”. L'indagato titolare di un'azienda di manifattura, secondo la Procura, poteva utilizzare la sua attività per occultare la droga. Inizialmente i 5 quintali di cocaina sarebbero stati destinati all'Emilia Romagna, ma per un motivo che i poliziotti non hanno chiarito, il carico era stato poi dirottato su Napoli.

Annuncio promozionale

I palermitani coinvolti nell'inchiesta avrebbero avuto contatti con soggetti campani alcuni dei quali vicini alla camorra. Per gli investigatori un quinto della cocaina avrebbe dovuto essere spacciata sul mercato palermitano. L'hashish, proveniente dal Marocco attraverso la Spagna, sarebbe stato movimentato da campani. I palermitani coinvolti nell'inchiesta sono in alcuni casi già noti alla Procura e hanno precedenti specifici legati al traffico di droga: è il caso dei fratelli Geraci ai quali nel 2001 erano stati sequestrati ben 1.200 chili di cocaina. Altrettanto noto un altro degli indagati, Fabio Cucina che avrebbe avuto contatti anche con il clan di Brancaccio, così come i fratelli Salvatore e Vincenzo Inzerra.

droga

22 Commenti

Feed
  • Avatar di Francesco Paolo Ardizzone

    Francesco Paolo Ardizzone New version: Contessa: sono stato giustamente censurato. Ti avevo scritto in francese qualcosa come: "Ah, dimenticavo; ti esorto a porre una forte pressione, o léva, tale da ottenere una rottura, su un dato pene umano; avendo però cura di localizzarsi per tale missione, in un'area posta diversi km in linea d'aria dalla periferia nord di Palermo (Italy). Non ti scrivo le coordinate precise, sai di averle sulla cartina della associazione segreta di cui fai parte, la temibile: U.G.F.S.P.A.M.M. (united girls for stupid princes and many money). Associazione che fa più danni della stessa mafia. Riporto anche la parola d'ordine stabilita: " io amo la poesia e l'arte" da pronunciare con voce gàrrula unendola al gesto di voltare la faccia da un'altra parte subito dopo averla pronunciata. Bene, è tutto. Rimani comunque in Sicilia. Non occorre che mi comunichi l'azione compiuta. Lo sai che ho piena sfiducia in te. Fine messaggio.

    il 3 giugno del 2012
    • Avatar anonimo di GIUSEPPE

      GIUSEPPE CERCASI contessa DISPERATAMENTE

      l' 8 giugno del 2012
  • Avatar di Francesco Paolo Ardizzone

    Francesco Paolo Ardizzone Mi hai fregato, congratulazioni. Cercavi solo di avere l'ultima parola. Il tuo "timing" iniziale mi aveva già suggerito di una personcina un po' ...cheselatira. Pazienza, voi donne vincete sempre in queste ...stronzate. 'bye.

    il 2 giugno del 2012
    • Avatar anonimo di giuseppe

      giuseppe CERCASI contessa DSPERATAMENTE

      l' 8 giugno del 2012
  • Avatar di Francesco Paolo Ardizzone

    Francesco Paolo Ardizzone Come non detto. Addio.

    il 2 giugno del 2012
  • Avatar di Francesco Paolo Ardizzone

    Francesco Paolo Ardizzone La cosa pubblica è finita adesso, se vuoi. Possiamo passare al privato, se vuoi. Sono simpaticissimo, ti prego di non sminuire il mio valore. E stai attenta, ti consiglio di darmi una chance, potrebbe essere l'unica volta che puoi interagire personalmente con un Genio dell'Umanità... Una persona della mia statura non si "butta su ogni vaga occasione"; ma, seppur raramente, posso essere affascinato da un volto su una foto, oppure dalla "sensazione" verso una ragazza di cui non conosco alcuna fattezza... E' il gioco della vita, mia cara sensibile, contemporanea. Io sono triste, cerco "quegli" occhi, lungo la mia battaglia senza tempo... invano. Dove sei, tu? Oppure è quell'altra? Oppure quella che incrocerò domani... Oppure non esisterà mai. Se vuoi, puoi abbracciarmi, guardarmi negli occhi, te lo concedo, grato. Con purezza, come due anime che sanno già tutto. A te la mossa, Darling.

    l' 1 giugno del 2012
  • Avatar di Francesco Paolo Ardizzone

    Francesco Paolo Ardizzone Contessa: Peccato de che? Sei libera? Vorresti conoscermi? Bene, ci sto, magari ..."me gusti", e magari io "gusto" a te... why not? Devi avere l'auto, però. Un re non guida. E poi, sono troppo intelligente per guidarla e troppo stupido per riuscire a fermarla. I'm waiting for your news about. See you Darling.

    l' 1 giugno del 2012
    • Avatar anonimo di Contessa

      Contessa Sei simpatico e dopo averti "googlato" penso anche parecchio interessante, ma non mi piace 'sta cosa pubblica e oltretutto la faccenda dell'avvocatessa è stata un duro colpo. Ti butti così su ogni vaga occasione?

      l' 1 giugno del 2012
  • Avatar di Francesco Paolo Ardizzone

    Francesco Paolo Ardizzone Sensibilità intuitiva femminile confermata, allora. Tiro un sospiro di sollievo, temevo di dover rivedere un mio schemino mentale. A quanto pare la mia risposta, poi, ti ha lasciato senza parole... o perplessa. Curiosità: quanti anni hai? palermitana? appartenente Forze dell'Ordine?
    Grazie. Ciao.

    il 24 maggio del 2012
    • Avatar anonimo di Contessa

      Contessa Beh la risposta era il contrario del commento che mi aveva entusiasmata. Tanto quello era semplice, diretto, chiaro, comprensibile, tanto la risposta era.. mascherata. Scusa ma ho avuto questa impressione. Peraltro, ho letto i tuoi commenti su questo sito, di cui sei il vero animatore, e nella maggior parte dei casi mi trovo d'accordo con quanto scrivi.
      Infine sì, abito a Palermo, ho 42 anni e sono una semplice cittadina, nessun legame con le forze dell'ordine (chissà come ti è venuto in mente...  :-))
      Ah.. ho finalmente cambiato l'avatar!!

      il 25 maggio del 2012
      • Avatar di Francesco Paolo Ardizzone

        Francesco Paolo Ardizzone Delusa, quindi? Non ne sono affatto sorpreso, purtroppo.
        Sì, i veri poeti deludono e confondono quando rivelano se stessi, quando sembra loro il momento di poter confidare finalmente ciò che per essi è,
        in modo semplice, diretto, chiaro, comprensibile, la stilla essenziale del
        proprio animo. Non avrei potuto usare altre parole... L'umiliazione
        dura solo un attimo, ormai.
        Subito dopo si riprende la via, da soli.
        Io ho 48 anni, non ho una donna. Sono un Re povero e disconosciuto.
        Adoro mangiare i nostri gelati. E sorridere.
        La maschera, se così si vuol chiamare, è nelle altre frasi, invece.
        Dove sono costretto a non valicare i limiti oltre i prosaici crudi
        contenuti, indegni di un alto intelletto;
        offendendomi a dover nominare il male.
        Mi chiedo quale sarà il tuo nome?
        Ciao.

        il 25 maggio del 2012
        • Avatar di Francesco Paolo Ardizzone

          Francesco Paolo Ardizzone Contessa: Addio. Ti prego di non disturbarmi più. Grazie.

          il 26 maggio del 2012
  • Avatar anonimo di Contessa

    Contessa Francesco Paolo chi sei? Le tue parole dirette e senza fronzoli hanno smosso qualcosa dentro di me, in mezzo a tanta ipocrisia e pseudo religione preconfezionata. Magari anche uno solo di coloro di cui parla l'articolo cambierà, e sarà un grande successo per te, per tutti noi.

    il 22 maggio del 2012
    • Avatar di Francesco Paolo Ardizzone

      Francesco Paolo Ardizzone Contessa: Sei speciale, ti sei accorta di me, con
      gli occhi che sanno vedere senza bisogno di
      pensare.
      Grazie.
      Io sono un uomo del tempo, un
      antico poeta guerriero, la mia spada è terribile,
      infuocata.
      La mia parola è stata stabilita
      all'origine dell'anima, perciò risuona senza alcun
      ostacolo fin lontano.
      Ma, infine, non esisto,
      perchè sono TUTTI. AMO, il contrario non è
      possibile fisicamente, non esiste;
      è come un vantaggio che porta ad un vicolo cieco.
      E bisogna sbrigarsi, fuggire dalla Storia, e capire chi siamo
      da sempre.

      il 22 maggio del 2012
      • Avatar di Francesco Paolo Ardizzone

        Francesco Paolo Ardizzone Contessa: scusa, sei un uomo. Non avevo fatto caso all'avatar. Comunque vale lo stesso ciò che ho detto. Saluti.

        il 24 maggio del 2012
        • Avatar anonimo di Contessa

          Contessa Francesco Paolo, confermo che sono una donna! L'avatar è semplicemente quello standard che non ho cambiato...

          il 24 maggio del 2012
  • Avatar di Francesco Paolo Ardizzone

    Francesco Paolo Ardizzone Gentaglia... ascoltate: la vera abilità sta nel creare un mondo migliore, che leghi ciò che siamo in Dio (non sto parlando del crocifisso di legno...) con ciò che siamo capaci di riflettere di quella luce, attraverso la nostra virtù e coscienza. Capito? Non avete capito le regole del gioco, non sono i soldi, ma il modo nobile con cui arrivi al "premio", che possono anche essere tanti soldi.
    E' solo quello il vero Onore. Parlatene, Arrabbiatevi, Cambiate. Ridete di voi; i veri uomini lo fanno.

    il 22 maggio del 2012
    • Avatar anonimo di GIUSEPPE

      GIUSEPPE gentaglia??

      il 12 giugno del 2012
      • Avatar di Francesco Paolo Ardizzone

        Francesco Paolo Ardizzone Cosa c'è, mi perseguiti? Ho definito gentaglia, gli spacciatori di droga. Hai qualche dubbio? Non  avevi capito? Non sei d'accordo?

        il 12 giugno del 2012