Vertenza Engineering, nuovo sciopero dei lavoratori: la protesta si sposta a Roma

Lunedì una delegazione di palermitani parteciperà alla manifestazione in programma nella Capitale. I dipendenti chiedono il rinnovo del contratto integrativo fermo dal 2009. La Fiom Cgil: "L’azienda redistribuisca parte degli utili"

Nuovo sciopero dei dipendenti di Engineering. Lunedì si asterranno nuovamente dal lavoro per l’intera giornata per chiedere il rinnovo del contratto integrativo, fermo dal 2009. Una delegazione palermitana parteciperà al presidio che si terrà davanti all’ingresso dell’Auditorium Parco della Musica di Roma, in via Pietro de Coubertin, dove è previsto il congresso annuale organizzato da Engineering con la partecipazione di più di 2 mila persone, tra dipendenti e management aziendale, alla presenza dell'amministratore delegato Paolo Pandozy. 

“Quest’azienda conta - - afferma Fabrizio Fiscella Rsu Fiom Cgil di Engineering - 11 mila dipendenti in 50 sedi in tutto il mondo, continua ad acquisire aziende, ad assumere e vanta un bilancio consolidato di oltre 1 miliardo e 200 milioni di euro. Alla protesta ci saremo anche noi, accanto a diverse delegazioni di lavoratori provenienti da tutta Italia, per rivendicare il rinnovo del contratto integrativo. Finora abbiamo registrato solo timide e insufficienti aperture specialmente se rapportate agli enormi risultati e guadagni conseguiti nell’ultimo decennio da questo colosso informatico”.  

“Vogliamo che l’azienda - aggiungono Angela Biondi e Francesco Foti, segretari Fiom Cgil Palermo - redistribuisca parte dei suoi grandi utili anche ai lavoratori in modo serio e adeguato, non sempre e soltanto al management”. I lavoratori stanno protestando per ottenere l'obiettivo che si sono prefissati dallo scorso settembre.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Blitz antimafia a Belmonte Mezzagno, quattro arresti: "In carcere il nuovo capo"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento