Una mamma che allatta il suo bambino: inaugurato nuovo murale allo Sperone

L'opera è stata realizzata da Igor Scalisi Palminteri in via XXVII Maggio: "Partiamo dal latte della mamma per prenderci cura dei bambini che spesso questa città dimentica". Presenti alla cerimonia anche il sindaco Leoluca Orlando: "Il dipinto è la prova che si può coniugare la bellezza estetica con i comportamenti"

Una mamma che allatta il suo bambino. E' questo il soggetto raffigurato nel nuovo murale di Igor Scalisi Palminteri, inaugurato questa mattina in via XXVII Maggio, allo Sperone. L'opera nasce all’ambito di un più ampio progetto promosso dall'Amministrazione comunale e in collaborazione con l'associazione di volontariato "L'arte di Crescere" proprio al fine di incentivare l'allattamento materno.

Presenti alla cerimonia il sindaco Leoluca Orlando, il vicesindaco Fabio Giambrone, il pittore e i rappresentanti dell'associazione de L'arte di Crescere, di Unicef, dell’ICS Sperone-Pertini. “Porgo il mio apprezzamento - dice il primo cittadino - per questa opera del pittore Scalisi Palminteri, augurandomi che anche gli altri quartieri palermitani seguano l'esempio dello Sperone. Questa opera è un chiaro messaggio che si può coniugare la bellezza estetica con i comportamenti. In questo caso l'arte ha confermato che sono importanti le cose semplici così come è importante l’allattamento”.

Il progetto si inserisce anche all'interno di un protocollo d’intesa stipulato tra il Comune e alcuni artisti che grazie al loro impegno contribuiscono alla riqualificazione urbana, in particolare del quartiere Sperone. "'Sangu e latti' - spiega Palminteri - è il muro che ho dipinto allo Sperone. Partiamo dal latte della mamma per prenderci cura dei bambini che spesso questa città dimentica, del loro corpo, del loro spirito, delle loro aspirazioni. Prendiamoci cura dei loro occhi che possano guardare con amore ciò che li circonda".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento