Prosegue la protesta degli operai Blutec, l'azienda: "Confermiamo impegno ma attendiamo burocrazia"

Per il secondo giorno le tute blu stanno occupando il Municipio di Termini. I sindacati lamentano il disinteresse del governo nazionale. L'azienda intanto conferma il suo impegno ma attende "che vengano completati i passaggi burocratici noti a tutti"

La protesta degli operai della Blutec

Prosegue la protesta degli operai dell'azienda Blutec, che stanno occupando per il secondo giorno il municipio di Termini Imerese. I sindacati Fim, Fiom e Uilm  - che avevano chiesto più volte un incontro urgente ai ministeri del Lavoro e  dello Sviluppo economico , ma non hanno avuto risposta - proclamato uno sciopero di due ore.

Termini, cassa integrazione a rischio: operai Blutec occupano il Comune

“Ancora nessuna risposta dal Governo nazionale sul rinnovo della cassa integrazione - spiega Enzo Comella, segretario della Uilm Palerm -. Inaccettabile il silenzio calato sul piano di rilancio dell’area industriale. Siamo insieme al primo cittadino Francesco Giunta e altri sindaci del comprensorio. Chiediamo un incontro urgente al Mise, bisogna subito sbloccare il rinnovo della Cig e gli ammortizzatori in deroga per l’indotto. Senza risposte continueremo a protestare”.

Intanto interviene anche Blutec, che in una nota precisa: "Ad oggi non ci risulta alcun rilievo ufficiale al nostro piano di reindustrializzazione del sito di Termini Imerese, sul quale stiamo continuando a lavorare con il massimo impegno. Siamo in attesa che vengano completati i passaggi burocratici noti a tutti. Ancora una volta Blutec conferma il suo impegno su Termini Imerese, che rimane sito di primaria importanza nella strategia industriale di sviluppo del nostro gruppo per i prossimi anni".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto la Cgil ha reso noto che è stata concessa la mobilità in deroga ai lavoratori delle aree di crisi complessa di Termini Imerese e di Gela che godevano del trattamento fino al 31 dicembre del 2016 e che erano rimasti senza alcuna forma di protezione sociale. Si tratta di 33 ex dipendenti dell’exFiat e di 40 del petrolchimico. Il segretario regionale Monica Genovese sottolinea che “pur trattandosi di un risultato è sempre una goccia nell’Oceano rispetto a una situazione occupazionale grave, come dimostra la protesta di queste ore dei lavoratori Blutec per i quali il ministro Di Maio veva garantito che dal 2019 ci sarebbe stata la mobilità in deroga”. Invece per i 700 lavoratori diretti e i 62 dell’indotto “non si è ancora visto il decreto - ricorda Genovese – e sono fuori da tutto dal momento che Blutec non è in grado di rispettare gli impegni presi”. L’esponente della Cgil, sostiene che “ a questo punto occorre riaprire il tavolo con Fiat, perché – sottolinea- non abbandoniamo l’idea di dare una prospettiva all’area. Il governo nazionale - aggiunge - da canto suo deve rispettare gli impegni presi con i lavoratori”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'entrata da Mondello, poi il volo su via Libertà: attesa per l'esibizione delle Frecce Tricolori

  • Donna incinta positiva al Coronavirus ricoverata al Cervello: è tornata a Palermo da Londra

  • Coronavirus, finalmente ci siamo: per la prima volta zero contagi in Sicilia

  • Mega rissa a Ballarò, in trenta si affrontano a pugni e sprangate: ferito anche un bambino

  • Strage Capaci, Emanuele Schifani e quel papà mai conosciuto: "Non provo odio ma tanta rabbia"

  • Negativa a 3 tamponi, torna positiva al Covid: "Così sono ripiombata nell'incubo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento