Premio nazionale di poesia Partanna, riconoscimento anche per scrittori palermitani

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Individuati i vincitori del “Premio nazionale di poesia Partanna”, giunto quest’anno alla sua XXII edizione e organizzato dall’associazione “Artistica Il Sipario” di Partanna. I quasi cinquecento partecipanti hanno dimostrato un forte spirito poetico.

"È confortante constatare come, anche in tempi un po’ incerti e non del tutto felici, tanti mostrino, con passione e con forza, uno spirito poetico e una sensibilità artistica" ha commentato il presidente dell’associazione Giuseppe Tusa, dopo aver ricevuto la giuria al termine dei lavori. "La poesia, infatti, non è solo testimonianza di un animo sensibile, ma anche evidenza (pur nelle liriche più drammatiche) di una inespugnabile, radicata e ottimistica fiducia nei sentimenti migliori dell’umanità",  ha precisato il presidente della giuria Antonio Fundarò dell’Università degli Studi di Palermo.

Giuria composta, tra l’altro, da Vincenzo Bussa, segretario della stessa, e da Giusy Chiofalo, Francesco Camagna, Rossana Asaro, Irene Bonanno, Gianfranco Periera, Anna Maria Cillaroto e Franco Giacomarro.

Questi i vincitori. Per la sezione A, poesia in lingua italiana: primo classificato con “Le caramelle di Shamira”, Rodolfo Vettorello di Milano; secondo classificato con “D’incanti, di preghiere erano i giorni”, Carmelo Consoli di Firenze; terzo classificato con “Prima di chiudere la porta di Teresa Riccobono Nicoli di Palermo.

Menzioni meritevoli ai poeti: Umberto Vicaretti (Roma), Paolo Gavarone (Genova), Franco Fiorini (Veroli), Tania Fonte (Palermo), Giuseppe Caleca (Castellammare), Raffaele Puccio (Marina di Ragusa), Angelo Taioli (Voghera).

Per la sezione B, poesia in dialetto siciliano: primo classificato “La truscitedda” di Vincenzo Aiello di Bagheria; secondo classificato “Primu amuri” di Franca Cavallo di Modica; terzo classificato “I picciriddi d’Aleppu” di Angelo Abbate di Bagheria. Menzioni meritevoli ai poeti: Giovanni Malambrì (Messina), Antonella Monaca (Modica), Rosario Loria (Menfi), Margherita Neri (Cefalù).

Per la sezione D, racconto breve/novella: primo classificato “Dalle finestre del campanile” di Rosaria Carbone di Riesi; primo classifico ex aequo “Veniva dal mare” di Maricla Di Dio Morgano, di Calascibetta. Menzioni meritevoli ai poeti: Giuseppe Dolores (Thiene VI), Vincenzo Pacino (Castelvetrano), Rosalia Sirchia (Palermo), Salvo Previti (Mazara).

Torna su
PalermoToday è in caricamento