Non solo a calcio, a Palermo ora si pedala in rosanero: presentata squadra di ciclismo

A Villa Niscemi il battesimo del team giovanile "Palermo – Gs Mediterraneo". Orlando: "Una straordinaria iniziativa, che mira a promuovere ulteriormente e a confermare un cambio culturale, un diverso rapporto con la natura, un diverso rapporto con lo sport"

La presentazione con Orlando

Presentata a Villa Niscemi la prima squadra di ciclismo giovanile a Palermo. Una squadra di oltre 40 ragazzi, dai 6 ai 18 anni, provenienti dal territorio metropolitano che si allena nella scuola di ciclismo federale del Palermo-GS Mediterraneo nell’ impianto sportivo naturale all’aperto più grande d’Italia sotto la direzione tecnica del maestro Massimo Melodoro e il supporto dei maestri Alessandro Mansueto e Marcello Guastella.

“Devo ringraziare Marco Lampasona - ha dichiarato il Sindaco Leoluca Orlando nel corso della cerimonia - e chi insieme a lui ha reso possibile questa straordinaria iniziativa, che mira a promuovere ulteriormente e a confermare un cambio culturale, un diverso rapporto con la natura, un diverso rapporto con lo sport, e anche la esaltazione della bicicletta che è una alternativa valida alle forme di mobilità che inquinano e fanno male alla salute”.

“Fino a tre anni fa Palermo non aveva una squadra ciclistica giovanile agonistica – ha affermato Marco Lampasona, Presidente del GS Mediterraneo – ma grazie al supporto dell’amministrazione comunale e di una serie di sponsor, abbiamo portato avanti questo progetto. Oggi i nostri ragazzi competono a livello regionale e nazionale ed hanno rappresentato negli ultimi due anni la Sicilia nel Trofeo Nazionali Coni. 

"Il ciclismo dal nostro punto di vista, alla stregua di qualsiasi altro sport agonistico, è una palestra di vita. I ragazzi imparano a fare sacrifici, a confrontarsi, a rispettare gli avversari e soprattutto apprendono che ogni successo è figlio di una sconfitta. Proviamo ad insegnare, oltre alla tecnica, l’approccio che dovranno avere nella vita, e cioè tirare fuori il meglio di sé, lottare, impegnarsi, non avere mai paura di perdere e non smettere mai di sognare.  Quest’anno la squadra Palermo GS Mediterraneo – ha sottolineato Lampasona - vestirà i colori rosa-nero in omaggio al rinnovato Palermo Calcio e alla rinascita sportiva della città.  Ringrazio il Presidente, Dario Mirri, per avere accolto positivamente questa idea e spero che questi colori unici e riconoscibili diventino sinonimo di eccellenza cosi come si merita la nostra città continua Lampasona".

“Credo che il calcio - ha dichiarato Dario Mirri - in quanto sport leader in italia, abbia anche un dovere nei confronti delle altre attività sportive e possa dunque essere promotore di un percorso virtuoso di crescita collettiva e di rafforzamento identitario di Palermo per i Palermitani”.

Nel corso della cerimonia il Presidente Lampasona ha consegnato al Comune di Palermo, nella persona del Sindaco Leoluca Orlando, una targa e la maglia ufficiale della squadra con la motivazione: “Al nostro primo cittadino e primo tifoso un sentito ringraziamento per la fiducia”.

Alla cerimonia erano presenti oltre al Sindaco di Palermo, Leoluca Orlando e al presidente di Gs Mediterraneo Marco Lampasona, il Direttore Area Verde Comune di Palermo Domenico Musacchia, la Capo Impianto Campo Ostacoli La Favorita, Loredana Tarallo, i rappresentanti degli sponsor Fabrizio Cavaliere di Sport & Nutrition, Luciano Muratore di Ital Rent, Francesco Galvagno di Elenka srl e Sandro Siniscalchi di Innogea.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • Giro di escort in pieno centro: facevano prostituire 10 palermitane, tre arresti

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

  • L'Arenella e lo Scotto da pagare: dallo "stigghiolaro" a Galati nella rete del racket

  • Paura Coronavirus a Partinico, studentessa arrivata da Shanghai: "Trattata come una minaccia"

Torna su
PalermoToday è in caricamento