Palermo-Agrigento e passante, sindacati edili incontrano Toninelli: "A rischio 100 lavoratori"

Feneal, Filca e Fillea, assieme a una delegazione dei lavoratori della Bolognetta Scpa e della Sis, hanno incontrato il ministro a Vicari nel corso del sopralluogo nei comuni colpiti dall’emergenza maltempo e nei cantieri dei grandi appalti

Il ministro Toninelli durante l'incontro di oggi

I sindacati degli edili hanno chiesto oggi al ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli un impegno concreto per la definizione della Bolognetta-Lercara e per il completamento di anello e passante ferroviario. Feneal, Filca e Fillea, assieme a una delegazione dei lavoratori della Bolognetta Scpa e della Sis, hanno incontrato a Vicari il ministro e il componente della commissione Infrastrutture della Camera, Adriano Varrica, nel corso del sopralluogo nei comuni colpiti dall’emergenza maltempo e nei cantieri dei grandi appalti.

“Il ministro ha accolto il nostro appello, ha risposto che la Bolognetta-Lercara, il passante e l’anello sono tra le opere importanti sotto osservazione e che è nei piani del governo portare a compimento la realizzazione di queste  infrastrutture strategiche per lo sviluppo del territorio - dichiarano Ignazio Baudo, Francesco Danese e Francesco Piastra, segretari generali di Feneal Uil,  Filca Cisl e Fillea Cgil Palermo –. Per il passante, Rfi deve impegnarsi a rispettare i tempi di consegna dell’opera definita. Per la Bolognetta-Lercara, la politica e l’Anas devono adesso assumersi la responsabilità di mandare avanti la variante tecnica altrimenti il cantiere rischia di fermarsi. È essenziale per noi definire il completamento dell’intera opera della Palermo-Agrigento, mandando avanti anche gli altri tre lotti ancora da appaltare”. 

“Il cantiere che oggi il ministro ha visitato viaggia già con un ritardo di un anno - aggiungono i tre segretari - Più si allunga la decisione sulla variante, più aumenta il rischio dell’incompiuta e della perdita dell’occupazione per i 100 lavoratori e per l’indotto.  E se non ci saranno interventi urgenti, già a gennaio il contratto dei 15 lavoratori a tempo determinato potrebbe non essere prorogato”.  

I sindacati degli edili hanno inoltre raccolto la disponibilità della commissione Infrastrutture a proseguire la discussione sulle opere di Palermo in sede parlamentare e, a proposito delle modifiche del codice degli appalti, hanno manifestato le loro perplessità a sul tema della liberalizzazione dei subappalti. “Allungare la catena degli appalti e liberalizzare i subappalti lo riteniamo negativo – hanno aggiunto Feneal, Filca e Fillea – Con i subappalti le aziende abbattono i costi e poi si rivalgono sulle condizioni dei lavoratori. Inoltre, con la liberalizzazione degli appalti aumenta il rischio di infiltrazioni mafiose”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • Blitz antimafia a Belmonte Mezzagno, quattro arresti: "In carcere il nuovo capo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento