"Liberiamo Palermo dal degrado": la Lega attiva uno sportello di vigilanza

A lanciare l’iniziativa è Igor Gelarda, responsabile regionale enti locali del partito guidato da Matteo Salvini: “Al lavoro per riqualificare le zone in ginocchio dopo anni di disservizi”

Igor Gelarda, Daniele Pirrello, Sefano Candiani

La Lega attiva uno sportello a garanzia dei cittadini per vigilare sulla corretta attività di manutenzione del territorio da parte dell’amministrazione comunale, dove segnalare anche abusi e disservizi. Uno spazio di confronto per elaborare soluzioni condivise sui problemi metropolitani di maggiore rilevanza ambientale. E l’obiettivo dichiarato di “liberare Palermo dal degrado, rendendola più vivibile e sicura”. 

A lanciare l’iniziativa è Igor Gelarda, responsabile regionale enti locali del partito guidato da Matteo Salvini, oltre che capogruppo del Carroccio in Consiglio comunale, affiancato da Elio Ficarra. Il rispetto dell’ambiente e la sicurezza del territorio sono aspetti molto cari alla Lega, come sottolineato più volte dal senatore Stefano Candiani, sottosegretario al ministero dell’Interno e commissario leghista nell’Isola, in occasione dei recenti sopralluoghi nei comuni alluvionati siciliani.

“Lo sportello aprirà a breve - annuncia Gelarda - e sarà guidato dall’avvocato Daniele Pirrello, impegnato da anni sui grandi temi di rilevante impatto ambientale in città. A partire dalla battaglia in corso contro l’Amap - spiega il rappresentante leghista a Sala delle Lapidi - che in primo grado ha già accertato l’inesistenza, in alcune zone della città, del depuratore e della rete fognaria. Vogliamo che i palermitani tornino ad avere fiducia nelle istituzioni, diventando parte attiva delle politiche dei territori - conclude Gelarda - e in questa direzione la Lega si impegnerà a vigilare sull’operato dell’amministrazione comunale per contrastare quei fattori di criticità che hanno messo in ginocchio interi quartieri della città”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

  • Finanzieri in una palestra di Cefalù, sequestrate attrezzature per il fitness: "Erano contraffatte"

Torna su
PalermoToday è in caricamento