Formazione, Scilabra: "Stop ai licenziamenti avviati dagli enti"

"Abbiamo tracciato una strada chiara e netta: stop all'Avviso 20 e riforma del settore. I lavoratori non possono pagare gli errori di un sistema che ha prodotto clientele e affari". Falcone (Pdl): "Subito un tavolo tecnico"

L'assessore Nelli Scilabra

"Il Governo regionale non può  guardare con indifferenza ai procedimenti di licenziamento avviati dagli enti. Vi chiedo di fermare queste procedure". Lo  ha detto l'assessore Nelli Scilabra alle associazione degli enti  di formazione. "Conoscete i nostri obiettivi politici, abbiamo tracciato una  strada chiara e netta: stop all'Avviso 20 e riforma del settore.  Vi chiedo di condividere tutto il percorso - ha aggiunto   Scilabra - per consegnare alla Sicilia una nuova formazione  professionale. La crisi del settore non può essere di certo  addebitata all'azione di questo governo, ma a chi negli anni  passati ha avviato una finta riforma che oggi manifesta  palesemente il triste collasso. Dobbiamo salvare i lavoratori e  ridare dignità alle loro attività, dobbiamo comprendere che è  finita un'era ed è iniziato un nuovo percorso, su questo nessun  passo indietro". "Che sia chiaro: i lavoratori non possono pagare gli errori  di un sistema che ha prodotto clientele e affari. Vi chiedo di  dare il vostro contributo - ha chiesto l'assessore - ho bisogno  del supporto della parte sana del sistema".

FALCONE: "SUBITO UN TAVOLO TECNICO". "Il governo si fermi con i suoi maldestri tentativi di tranquillizzare le categorie della Formazione - dice il vicepresidente del gruppo Pdl all'Ars, Marco Falcone - La proposta Scilabra evidentemente non convince affatto i sindacati i quali già da ora paventano più di 3500 licenziamenti, oltre al grave danno per i formandi che si verrebbe a creare". "Dunque - specifica Falcone - si istituisca piuttosto, e anche in fretta, un tavolo propositivo composto da tecnici, politici e categorie interessate a partire dai loro rappresentanti; e si parta da quanto è emerso dall'audizione del dottor Albert in commissione per trovare soluzioni adeguate, fermo restando il recupero dei cosiddetti fondi perduti, avviando il Piano Giovani, la seconda annualità dell'avviso 20, non trascurando i formatori e gli uffici di supporto, quindi salvando questi posti di lavoro: la Sicilia non ha bisogno di nuovi disoccupati".

LEGGI ANCHE: FORMAZIONE, CGIL: "A RISCHIO 3.551 LAVORATORI"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo protagonista, prevista "tempesta violenta": diramata allerta meteo gialla

  • La lettera: "Silvana Saguto ci hai tolto tutto, tu mangiavi sempre al ristorante e noi un pezzo di pane"

  • Folle serata allo Sperone, litiga con la moglie per i Sofficini e viene arrestato

  • L'arancina più buona a Palermo, gara alla vigilia di Santa Lucia: vince il Bar Matranga

  • Centro Convenienza chiude e non consegna i mobili già pagati: "Clienti truffati"

  • Via Libertà, colpo da Louis Vuitton: spaccano la vetrina a mazzate e rubano borse e abiti

Torna su
PalermoToday è in caricamento