Scafidi: "Dichiarazione di donazione organi è segno di civiltà"

"L'iter per giungere, oggi, a questo grande passo di civiltà è iniziato tre anni fa. Ed è iniziato con una mozione da me presentata e che ha dovuto attendere il parere positivo del garante della privacy. Giunto poi a giugno 2015. E adesso Palermo è una città che permette con facilità di dichiarare la propria disponibilità alla donazione di organi e tessuti". A ricordare l'iter per giungere a questo importante passo, che potrà contrastare l'esiguo numero di donatori di organi siciliani è Giusi Scafidi, presidente della quarta commissione consiliare Sanità e Politiche sociali.

La sua mozione, "Direttive per l'attuazione della legge del 1 aprile 1999, n.91 - Disposizione in materie di prelievi e di trapianti di organi e di tessuti per la realizzazione dell'art. 8 bis del decreto legge 30 dicembre 2009, n. 194 .II " fu approvata nel 2013, ma con alcune perplessità. "Fu chiesto il parere del garante della privacy per capire se ci sarebbero state delle violazioni nell'apportare il consenso nel retro della carta di identità - ricorda Scafidi - e dopo due anni i garante ha dato parere favorevole". "La carta di identità può riportare il consenso o il diniego alla donazione degli organi - scrive il garante - così come anche predisposto dal ministero dopo aver consultato il garante".

"In un periodo in cui si registra un calo di donazioni, e in cui i nostri malati devono far affidamento su organi che arrivano da altre parti dell'Italia - conclude Scafidi -, essere finalmente giunti a questo passo è non solo un segno di civiltà, ma anche una possibilità in più per chi si ritroverà a combattere con malattie"
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

Torna su
PalermoToday è in caricamento