Percorso Unesco compie 4 anni: guida “inaugura” l’itinerario allargato con 22 siti

Per valorizzare il circuito culturale completo, dal 13 al 26 settembre, nei tredici monumenti non ancora riconosciuti ufficialmente saranno ospitati eventi e manifestazioni. I festeggiamenti si chiuderanno con la Notte Bianca l’ultimo weekend del mese

Le terme di Cefalà Diana

In occasione del quarto compleanno del percorso arabo normanno, iscritto tra i siti Unesco il 3 luglio, per valorizzare i 22 siti dell’intero itinerario è pronta una guida che racconta l’anima sincretica del circuito culturale completo. Ne fanno parte sollazzi normanni, qanat arabi, chiese medievali, bagni termali: un patrimonio immenso che per il settembre Unesco, sarà raccontato ai visitatori con eventi, manifestazioni e con la Notte Bianca.

Il percorso ampliato rispetto ai nove siti ufficialmente riconosciuti ha tutte le carte a posto per entrare in un circuito spaziale e temporale, oltre che turistico. Della sua valorizzazione si parlerà domani dalle 17 a Villa Niscemi durante la presentazione della guida turistica nella sua versione cartacea in italiano e in inglese (si sta lavorando anche alla versione elettronica e ad una app multilingue) che verrà distribuita gratuitamente nei Visitors center dell’Unesco, nei Cit e fornita a chiunque ne faccia richiesta. All’incontro saranno presenti il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, a capo del Comitato di pilotaggio del sito seriale Unesco; i componenti del comitato e i rappresentanti dei monumenti iscritti e di quelli che faranno parte dell’itinerario. Chiuderà la giornata di celebrazioni per il quarto anniversario Unesco, un concerto della Cantoria del Teatro Massimo sempre a Villa Niscemi. 

Per valorizzare il circuito culturale completo, dal 13 al 26 settembre andrà in scena il Settembre Unesco: nei tredici monumenti non ancora inscritti saranno ospitati tantissimi eventi e manifestazioni. Tra i tanti appuntamenti in programma, si parlerà dell’antica Favara o Maredolce, citata da Ibn Giubayr, il 14 e 15 settembre; si potrà assistere a particolarissimi e affascinanti videomapping in vari monumenti dal 23 al 26, per chiudere poi con l’ormai abituale e attesa Notte Bianca dei monumenti Unesco nell’ultimo weekend del mese.

"L'inserimento nel patrimonio Unesco - spiega il sindaco Leoluca Orlando - non è una targa da appendere al muro, ma un percorso di tutela, riscoperta e valorizzazione di ciascun monumento e del suo contesto: un circuito dal potenziale immenso e straordinario che parla di integrazione e tolleranza”.

La guida

A cura del direttore della Fondazione Unesco Sicilia, Aurelio Angelini, la guida “inaugura” l’itinerario allargato del sito Unesco Arabo-normanno: un prodotto editoriale, smart, tascabile, in italiano e in inglese, dedicato sia ai nove monumenti riconosciuti dall’Unesco che ai tredici monumenti non ancora inscritti, ma che rispondono perfettamente ai canoni dello stile arabo-normanno di pieno secolo XII; con l’intento dichiarato di far conoscere e apprezzare un itinerario monumentale prestigioso, ma ancora poco conosciuto perché, nella maggior parte dei casi, di difficile fruizione. 

Ventidue siti: edifici civili e religiosi, opere di grande ingegno e valore artistico che con il loro carattere unico ed eccezionale, frutto della commistione di linguaggi artistici ed eterogenei (islamici, bizantini, latini), sono in grado di rappresentare l’arte arabo normanna: ai nove del percorso arabo normanno con il “marchio” Unesco, si aggiungono le fortificazioni del Castello a Mare, il palazzo recuperato e lo straordinario parco del sollazzo di Maredolce che si ricollega a volo d’uccello ai resti dell’Uscibene, la piccola ed austera chiesa di Santa Maria Maddalena all’interno della caserma dei Carabinieri, come anche La Cuba; e ancora, la maestosa e perfetta SS. Trinità alla Magione, la Cuba Soprana, nel giardino abbandonato di Villa Napoli e, a poca distanza, la Cubula; la cappella di Santa Maria dell’Incoronata alle spalle della Cattedrale, San Giovanni dei Lebbrosi già parte dei circuiti turistici; le chiese medievali conservate come Santo Spirito (chiesa dei Vespri) e Santa Cristina la Vetere; sotto la città corrono i Qanat e, fuori porta, sono una scoperta bellissima, i bagni di Cefalà Diana. Tredici in tutto che dimostrano caratteristiche arabo-normanne e hanno fatto parte del dossier di candidatura stilato per Unesco sin dalla prima ora, ma che – ognuno per la sua tipologia, la sua storia, l’integrità, la conservazione, l’ambiente circostante, ma anche la fruizione per il pubblico – non è stato giudicato idoneo. Ora è giunto il momento della riconquista del posto che tocca loro di diritto all’interno del percorso arabo normanno. “E’ giunto il momento di credere fermamente in questo percorso che non si può ridurre ai nove monumenti ritenuti idonei – dice Aurelio Angelini, direttore della Fondazione Unesco Sicilia -. L’arabo normanno è molto di più e noi siamo pronti a raccontarlo”.

Il compleanno del sito Unesco

Sarà un’occasione per tracciare un bilancio di questo quarto anno di gestione del sito UNESCO: “consolidata” la nomina, intervenuti a tutela dei monumenti, è il momento di portare avanti un’azione di coinvolgimento della comunità locale e dei visitatori. E dunque comunicazione, informazione e valorizzazione, non solo di Palermo ma anche della sua provincia.  E in questo ambito, sono partiti anche interventi rivolti ai soggetti diversamente abili: realizzate e installate mappe Braille nelle Cattedrali di Palermo, Cefalù e Monreale (e si stanno realizzando quelle della Zisa e di San Giovanni degli Eremiti); sistemati dei monitor all’interno delle tre Cattedrali, di Palazzo Reale, di Palazzo della Zisa, di San Giovanni degli Eremiti e nei Visitor Center di Palermo e Cefalù, dove viene proiettato un video in LIS (Lingua dei Segni Italiana) e in IS (International Sign Language).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Zona via Belgio, si suicida lanciandosi dal quarto piano: paura davanti a una scuola

  • Si cercano portalettere, Poste Italiane assume anche a Palermo

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

  • Falliscono colpo in casa e si "imbucano" a veglia funebre per evitare i carabinieri, 2 arresti

  • Detenuto suicida in carcere, indagata per omicidio colposo la direttrice del Pagliarelli

Torna su
PalermoToday è in caricamento