Niente corsa allo shopping, neppure i saldi salvano il commercio

Inizio in sordina per le vendite con prezzi ridotti. La presidente di Confcommercio Palermo Patrizia Di Dio: "Ci auguriamo di poter fare almeno un po' di cassa perché le vendite di primavera non ci sono state. Ribassi viziati dal dilagare di promozioni e offerte fuori stagione"

Che non sarebbe stata una stagione particolarmente ricca era un po' sotto gli occhi di tutti e un'indagine di Federconsumatori aveva già anticipato che a Palermo si spenderà, per i saldi estivi, quasi la metà della media nazionale. A ribassi iniziati arriva la conferma dei negozianti. Niente ressa e niente corsa all'acquisto. "Il primo giorno di lunedì, inizio settimana lavorativa, non ha dato per niente l'impressione di giornata di inizio saldi, non c'è stata alcuna corsa allo shopping e ormai siamo abituati a giorni normali senza assalti, a un fatturato più diluito nell'arco dei mesi dei saldi", dice la presidente di Confcommercio Palermo Patrizia Di Dio.Patrizia Di Dio-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ci auguriamo - prosegue Di Dio - di poter fare almeno un po' di cassa perché le vendite di primavera non ci sono state, creando di fatto una condizione di crisi tale per cui, anche la nostra federazione a livello nazionale, penserebbe legittimamente di invocare lo stato di calamità per il settore, fortemente condizionato dalla stagionalità insita nei prodotti di moda. Il 2019 - dice - è all'insegna di un andamento altalenante con un maggio da stato di calamità. Anche quest'anno possiamo dire che i saldi sono stati viziati dal dilagare di promozioni, offerte fuori stagione e da giorni particolari come il black friday, ma i saldi mantengono sempre il giusto 'appeal'. Rimane troppa incertezza e sappiamo bene che se manca la fiducia nel futuro esoprattutto le disponibilità economiche, anche i consumi rimangono al palo. A questo - prosegue Di Dio - si aggiunge un clima meteorologico che ci ha fatto saltare la stagione. Una circostanza che, ahinoi, si ripete sempre più spesso in questi ultimi anni provocando ingenti danni economici e margini di guadagno sempre più risicati".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mazzette per pilotare appalti da 600 milioni, trema la sanità siciliana: 10 arresti

  • Tragedia per una mamma palermitana: bimbo di 10 anni muore incastrato in un cassonetto per indumenti

  • L'incidente di Bonagia, lacrime a "Dallas": morto diciottenne

  • E' subito folla alla Vucciria, Taverna Azzurra quasi come in periodo "pre-Covid"

  • Coronavirus, finalmente ci siamo: per la prima volta zero contagi in Sicilia

  • Fallito attentato all'Addaura, la rivelazione: "Ecco chi tradì Giovanni Falcone"

Torna su
PalermoToday è in caricamento