Ritorno alla terra per 5 fratelli plurilaureati: dalla passione per l'olio nasce Dragotto Farm

Un ritorno alla terra autentico e sincero, quello della famiglia palermitana Dragotto. Cinque brillanti lauree in diversi settori, un unico progetto comune: "Ritornare a fare agricoltura come ci hanno insegnato i nostri nonni"

Un ritorno alla terra autentico e sincero, quello della famiglia Dragotto. Cinque fratelli, cinque brillanti lauree in diversi settori, un unico progetto comune: ritornare a fare agricoltura come ci hanno insegnato i nostri nonni ma avvalendosi di tutti gli strumenti della contemporaneità. Nasce così Dragotto Farm. “La passione per l'olio c'è sempre stata in famiglia -racconta Luca Dragotto - fin da bambini siamo stati abituati a consumare olii artigianali e considerarli un elemento essenziale per la nostra alimentazione. La passione per il cibo e la curiosità di ogni singoloelemento che compone un piatto ben riuscito, ha fatto il resto. Ma la decisione di investire in agricoltura, uno sforzo grande se consideriamo che io e i miei fratelli non abbiamo ereditato nulla e siamo partiti da zero, nasce dalla passione per la terra e da ciò che offre: uno stile di vita che inevitabilmente ti condiziona e ti conduce al bello, ci piace l’idea di fare e lasciare qualcosa di buono per il futuro”.

L’azienda agricola nasce nel 2016, in un appezzamento di terreno di circa 5 ettari, il progetto dei cinque fratelli si sviluppa nel territorio di Castelvetrano, in piena valle del Belìce. Le terre, tutte recentemente acquistate e non provenienti da possedimenti di famiglia, sono particolarmente vocate alla produzione agro-alimentare e, in particolare, alla coltivazione degli ulivi. L'azienda è costituita da Luca, una brillante laurea in legge e un lavoro da funzionario all'università di Palermo, ma nella Dragotto Farm sveste i panni del burocrate e si occupa del coordinamento di tutti i processi aziendali dalla terra, al frantoio, alla bottiglia. Le attività di Luca sono accompagnate da quelle di sua moglie Chiara, storica dell'arte e dottore di ricerca, insieme a Luca Tedesco, grafico e parte integrante dell’azienda, si occupano del marketing, dal packaging, al sito web ai social. L’azienda vive del lavoro di tutti i fratelli Dragotto: Marco, capo dell'azienda agricola e laurea in economia, si occupa della commercializzazione del prodotto e della presentazione ai buyer; Antonio, una laurea in economia ed esporto in fondi strutturali, si occupa di far quadrare i conti; Andrea, manager del food si occupa della parte legata al mondo della ristorazione; Miriam, la più giovane della famiglia e laureanda in scienze agrarie, insieme all' agronomo aziendale, si occupa di prevenzione e del benessere del piante.

Dragotto Farm, per la sua produzione di olio extravergine d’oliva, ha scelto di affidarsi ad un lavoro accurato di ricerca e innovazione, riuscendo a ottenere un prodotto di qualità, nel rispetto delle risorse naturali. Dalla raccolta a mano alla molitura a freddo, ogni fase della lavorazione dell’olio è seguita con cura maniacale e si attiene ai disciplinari Dop “Valle del Belice” e Igp “Sicilia” e dell’agricoltura biologica.

La Dragotto Farm è un’azienda specializzata nella coltivazione dell’oliva Nocellara del Belice (unico prodotto in Europa ad avere due Dop per la stessa varietà: “Valle del Belice” per l’olio e “Nocellara del Belice” per l’oliva da mensa), da cui ottiene un olio di altissima qualità, dalle eccellenti caratteristiche organolettiche. Un olio dal colore verde intenso, Viriodiorappunto che il latino significa ‘più verde’, si contraddistingue perun profumo fruttato e un sapore unico, caratterizzato da toni erbacei. Si percepisce all’assaggio l’eco di note caratteristiche, tra cuipomodoro e carciofo. In base al periodo di raccolta, e dunque secondo il livello di maturazione delle olive, il gusto si fa sempre più intenso.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Con il denaro è tutto semplice...

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Tir in avaria finisce al centro della strada, traffico paralizzato in viale Regione

  • Cronaca

    Bloccate con l'attak le serrature di 35 box, giallo in un parcheggio di viale Regione

  • Cronaca

    Falcone, i ragazzi e una città che non dimentica: Palermo celebra un altro 23 maggio

  • Cronaca

    Salvini incontra la prof sospesa: "Stiamo lavorando perchè tutto torni a posto"

I più letti della settimana

  • Ha il reddito di cittadinanza ma viene sorpreso a Sferracavallo mentre lavora in nero

  • Travolto da una moto in via Notarbartolo: il cuore si ferma, salvato da due passanti

  • La droga "calabrese" venduta a Palermo, i nomi degli arrestati

  • Fiumi di droga da Calabria e Campania: smantellata banda, 19 arresti

  • La coca sul camper e il maxi giro d'affari: "Che sono 300 chili di fumo? Un pelo di m..."

  • Circoscrizioni a Palermo, gli indirizzi e i recapiti delle otto zone della città

Torna su
PalermoToday è in caricamento