Operai costretti a lavorare nei campi per 2 euro l'ora, notaio arrestato per caporalato

Ai domiciliari un professionista di Valledolmo, che gestiva un'azienda agricola formalmente intestata all'anziana madre. I braccianti dovevano restituire parte della busta paga e ricevevano 25 euro per 12-13 ore di lavoro. Per loro anche un vademecum su cosa dire in caso di ispezioni

Operai costretti a lavorare nei campi tredici ore al giorno per una paga di 25 euro, nessuna maggiorazione per il lavoro notturno e straordinario e continue minacce di licenziamento e vessazioni. Dietro l'incubo vissuto da alcuni braccianti ci sarebbe un notaio di Valledolmo, Gianfranco Pulvino, 53 anni, arrestato dai carabinieri della Compagnia di Lercara Friddi. L'uomo deve rispondere di sfruttamento del lavoro, caporalato ed estorsione in concorso con un proprio collaboratore. Quest'ultimo è indagato in stato di libertà. Al professionista sono stati concessi i domiciliari.

L'ordinanza è stata emessa dal gip di Termini Imerese su richiesta della locale Procura. A fare scattare le indagini, avviate lo scorso luglio e andate avanti sino a gennaio, è stata la presenza a Valledolmo e in altri Comuni limitrofi di alcuni operai agricoli "sistematicamente sfruttati nel loro lavoro in campagna e costretti ad accettare, anche con minacce, retribuzioni molto inferiori di quelle previste", spiegano gli investigatori.

Secondo quanto ricostruito, il notaio gestiva un'azienda agricola formalmente intestata all'anziana madre con terreni sparsi a Valledolmo, Caltavuturo, Sclafani Bagni e Vallelunga Pratameno e assumeva "manodopera per lavori nei campi sottoponendo i lavoratori a condizioni di sfruttament. Sino a 12/13 ore al giorno, senza maggiorazioni per il lavoro straordinario, notturno o festivo". Inoltre, approfittando del loro stato di bisogno a causa delle scarsissime opportunità di lavoro nel territorio, il notaio avrebbe corrisposto ai lavoratori impiegati nei campi una paga giornaliera effettiva di soli 25 euro (rispetto ai 65 euro riportati in busta paga) "assolutamente sproporzionata rispetto alla quantità e qualità del lavoro prestato - spiegano i carabinieri - e, in ogni caso, molto al sotto degli standard della contrattazione collettiva vigente nel comparto agricolo".

Inoltre, "aveva istruito i propri dipendenti, consegnando ad ognuno un foglio di carta, che rappresentava una sorta di 'vademecum', dove venivano riportate le notizie da fornire in caso di controlli ispettivi da parte degli organi di vigilanza" e minacciandoli di licenziamento il notaio "costringeva i lavoratori a restituire in contanti parte delle somme loro corrisposte con gli assegni mensili, solo formalmente rispondenti alle previste buste paga. E per essere certo di riavere il proprio denaro li faceva accompagnare in banca dal suo fidato collaboratore al momento dell'incasso degli assegni". 
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (9)

  •  sfruttatore

  • una volta tanto ne scoprono qualcuna se fanno controlli a Cerda in provincia di Palermo c'è da tremare

  • Checchè ne dica il Codice del Lavoro, l'iniziativa privata è legata a sè stessa e non allo Stato che dovendo applicare le leggi non può essere obbligata ad agire a nessun titolo. Sarebbe come obbligare una persona che sa nuotare a salvare un uomo che sta affogando quando tutta la gente intorno non sa nuotare.

  • Marcisca nelle patrie galere e devono sequestrargli tutto pure le mutande

  • Avatar anonimo di Stefano
    Stefano

    stai al fresco e conta i soldi virtualmente. più soldi hanno e più sono taccagni

  • Tra pochi mesi sarà pulito dalla testa ai piedi! Cadranno tutte le accuse e tutto finirà a tarallucci....

  • Onestamente se la legge fosse veramente funzionante dovrebbero sequestrargli tutto e lasciarlo in mutande. Ovviamente anche l'arresto !!! Gente che si arricchisce su chi lavora ed ha necessità di doverlo fare anche solo per poter mangiare. Mi auguro che paghi veramente in modo esemplare !!!

  • bastardo...come te centinaia.

  • Fatelo lavorare gratis per il resto della vita.

Notizie di oggi

  • Politica

    Ecoambiente dal primo giugno lascia Bellolampo: tutti i servizi passano alla Rap

  • Cronaca

    Anello ferroviario, ultimatum di Rfi a Tecnis: "Un mese di tempo per riprendere i lavori"

  • Cronaca

    Bagheria, medico del pronto soccorso denuncia: "Aggredito dal padre di una paziente"

  • Cronaca

    Tenta furto in un supermercato in via Messina Marine: banda del buco in arresto

I più letti della settimana

  • Ha il reddito di cittadinanza ma viene sorpreso a Sferracavallo mentre lavora in nero

  • Travolto da una moto in via Notarbartolo: il cuore si ferma, salvato da due passanti

  • La droga "calabrese" venduta a Palermo, i nomi degli arrestati

  • Fiumi di droga da Calabria e Campania: smantellata banda, 19 arresti

  • La coca sul camper e il maxi giro d'affari: "Che sono 300 chili di fumo? Un pelo di m..."

  • "Paga o ti faccio chiudere il cantiere": ma lui si ribella e fa arrestare uno dei Graviano

Torna su
PalermoToday è in caricamento