"Noi in coda mentre la città dorme": notti insonni per il turno al Centro per l'impiego

Continuano i disagi in via Praga: ufficio in tilt a causa della lentezza del portale Anpal e della carenza di strutture informatiche efficienti. E' ressa ogni giorno. Il racconto di un lettore a PalermoToday: "C'è chi dorme in macchina e chi si accampa alla meglio per essere servito prima della chiusura"

Notti insonni per prendere il turno al Centro per l'impiego. La ressa davani all'ufficio di via Praga - l'unico esistente in città - inizia la sera del giorno prima, con persone costrette a dormire in macchina o ad accamparsi alla meglio per "guadagnare" i primi posti nella lista che quotidianamente viene compilata. Mentre la città dorme, c'è chi fa già la coda. 

l Centro per l'impiego, aperto dalle 9 alle 13, da settimane si registrano notevoli disagi, sfociati spesso in aggressioni verbali contro il personale. Il motivo? Da un lato la concentrazione in questo periodo di una serie di scadenze relative a progetti e programmi di avvio al lavoro, che hanno richiamato migliaia di persone agli sportelli; dall’altro la lentezza del portale Anpal (Agenzia nazionale politiche attive del lavoro), la carenza di attrezzature informatiche efficienti, computer e stampanti, nonchè di materiali di cancelleria, come carta e toner.

Parla di "notti di ordinaria follia" un lettore di PalermoToday, che ha documentato con foto le code in via Praga. "La gente - aggiunge - è costretta a mettersi a turno la sera del giorno prima per assicurarsi un posto ed essere servito prima della chiusura. Un'unica misera sede per un Comune di oltre 600mila abitanti non è normale. Sono a turno per un maledetto foglio di disponibilità al lavoro che non si può fare più online, perché la copia cartacea va comunque ritirata in sede. Complimenti alla nostra classe dirigente!".

“Chiediamo al Governo regionale - dichiara così il segretario generale di Confintesa Palermo, Domenico Amato - di accreditare, per il rilascio del foglio di disponibilità al lavoro, i patronati come avveniva in precedenza, così da dare respiro alle attività esclusive del centro per l’impiego che ha già un notevole afflusso di utenza a causa del raggruppamento di più scadenze nell’imminente” .

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (17)

  • È una vergogna!!!

  • questa è Palermo.. grazie ai nostri politici con stipendi d'oro senza fare file.e nottate x i cittadini onesti.

  • avevo 19 anni ,quando mi iscrissi per la prima volta....,ne ho 51 adesso e se non fosse stato per i miei sacrifici e forze a tutt'oggi sarei un povero pazzo ancora speranzoso che questa corsa al did dia un lavoro. Ragazzi e brutto pensarlo e dirlo ;ma prendet tutto e andate ..cercate fuori italia ogni speranza .

  • Avatar anonimo di Davide
    Davide

    E' una vergogna un ufficio pubblico che apre alle ore 9 echiude alle 13...ben 4 ore di lavoro quando gli impiegati già sono là dalle 7,30 di mattina poi basta delegare i patti di servizio e i fogli di disponibilita al lavoro nei caf o nelle circoscrizioni...o aprire piccoli uffici nei quartieri..

  • Orlando Cascio, invece di chiacchere inutili vogliamo i fatti. Cosa aspetti che scoppi una rivolta per poi presentarti a promettere soluzioni rapide ed efficaci? Vuoi continuare a prenderci per i fondelli? ORA BASTA

    • Professore, la informo che, "ollando" non è il ministro del lavoro. La disoccupazione non dipende da lui

      • POCHINEURONINELCERVELLO nuovo sindaco di palemmo

  • la solita vergogna burocratica a Palermo. Ma è mai possibile che nessuno intervenga? Forse ci si aspetta il fatto eclatante affinchè qualcosa cominci a funzionare?

  • mentre in germania i centri sono aperti gia dalle 7

  • Se molti servizi come per esempio il rilascio di un did si potrebbe fare online si risparmierebbero ore e ore di attesa Oppure aprire un centro per l'impiego per ogni circoscrizione

  • questa vicenda da sola, dà l'immagine desolante in cui versa questa città...per questo mi imbestialisco quando ascolto le chiacchiere di Orlando sulla crescita, sul riscatto sulla svolta che attraverserebbe Palermo secondo i suoi deliri...perché penso a padri di famiglia costretti ad umiliarsi pur di trovare lavoro in questa città infame, penso ai disagi che quotidianamente noi tutti soffriamo in questa savana, penso alle prospettive future di ragazzi e ragazzini che 2 su 3 un giorno dovranno andarsene per lavorare, penso alle strade anni '50 alle infrastrutture che non ci sono.. e ascoltare le chiacchiere di questi politicanti del cavolo mi è diventato intollerabile.

  • Iscritto a 18 anni, un turno iniziato alle 05:00 del mattino. Oggi quasi 30 anni non sono mai stato chiamato.

  • tempo perso ...itivi a curcari ....

  • Tranquilli, a breve apriranno un nuovo sportello...............

  • Se un centro solo serve un area di circa 800mila persone (palermo città e zone limitrofe), ovvio che la gente fa la coda dalla sera prima

  • Avatar anonimo di Qualcuno
    Qualcuno

    che poi adesso, non solo non fanno niente ancora per me, ma oltre ai siciliani, e il resto degli italiani in Sicilia ci si mettono pure i migranti venuti da ogni terra e non solo dall'Africa anche dallo Yemen zona del Bengala ... mah.. e chi siamo noi siciliani? nessuno, dei Re di una Repubblica che non garantisce i diritti ai veri cittadini 

  • Avatar anonimo di Qualcuno
    Qualcuno

    e a che serve? io pure una volta mi iscrissi e a che è servito? sempre a casa sugnu

Notizie di oggi

  • Cronaca

    "Era ubriaco", Antonio Ingroia bloccato all'aeroporto di Parigi

  • Cronaca

    Il ritardo dell’aereo, lo scalo a Bergamo e il viaggio in pullman: 8 ore per raggiungere Venezia

  • Cronaca

    A maggio un piano straordinario per ripulire la città, si parte dalle periferie

  • Cronaca

    Emergenza casa, nel 2018 a Palermo 1.151 affittuari sono stati sfrattati

I più letti della settimana

  • "Mi stanno ammazzando": i boia spaccavano le ossa nella stanza degli orrori di via Imera

  • La banda dei falsi incidenti: mutilavano gambe e braccia per truffare le assicurazioni, 42 arresti

  • Mutilavano gambe e braccia per truffare le assicurazioni, i nomi degli arrestati

  • Omicidio in zona via Notarbartolo, strangola la compagna dopo una lite e si costituisce

  • Uccisa dal compagno perché si è rifiutata di fare sesso: "L'ho strozzata con tutta la forza"

  • Incidente in via Lanza di Scalea, auto contromano si schianta contro moto: due feriti

Torna su
PalermoToday è in caricamento