Ha simulato attentato all'università, il caso dello studente marocchino finisce in Parlamento

"Espellere una persona che può essere curata non è accettabile", ha dichiarato il senatore Francesco Campanella, firmatario dell'interrogazione rivolta al ministro degli Interni Marco Minniti e al ministro della Giustizia Andrea Orlando

L'arrivo della polizia dopo l'allarme

Approda in Parlamento il caso dello studente marocchino, che lo scorso 9 aprile ha messo in agitazione gli studenti nella mensa universitaria di Palermo farneticando parole poco chiare che sono state collegate al rischio terrorismo. “Ho chiesto se il governo non ritenga più adeguato per lo studente un'assistenza presso una struttura sanitaria in luogo dell'attuale provvedimento di espulsione” dichiara il senatore Francesco Campanella, firmatario dell'interrogazione rivolta al ministro degli Interni Marco Minniti e al ministro della Giustizia Andrea Orlando. 

“A seguito di precedenti episodi di disturbi psichici manifestati nell'autunno del 2011, il ragazzo è stato sottoposto a diverse cure” ricorda ancora l'esponente di Sinistra Italiana. “Vorremmo sapere quindi se dopo l'episodio in questione sia stato fatto intervenire o meno personale sanitario e se dopo il trasferimento al Cie di Caltanissetta lo studente sia stato oggetto di visita sanitaria”.  

Il provvedimento di espulsione comminato al ragazzo di 26 anni, inserito nel mondo del volontariato, non convince Campanella che a riguardo domanda ai ministri: “Se ritengano che il giovane possa ricevere in Marocco l'assistenza sociale e sanitaria adeguata alle sue condizioni”. Prima la sospensione della borsa di studio da parte dell'Ersu, poi il trasferimento coatto presso il centro di identificazione di Caltanissetta (più volte criticato per le condizioni di sovraffollamento) e adesso un decreto di espulsione che a breve rischia di diventare operativo: e tutto per uno "scherzo" realizzato da una persona con evidenti problemi psichici.

"Espellere una persona che invece può e deve essere curata non è accettabile - conclude il senatore - sarebbe opportuno seguire la linea tracciata dai medici che hanno seguito il ragazzo che suggeriscono di sottoporlo ad una terapia non certo ad una punizione così pesante, le cui conseguenze, per altro possono essere gravissime".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

Torna su
PalermoToday è in caricamento