Istituto Cruillas, bimbi a lezione di legalità con Maria Falcone

La sorella del giudice ucciso dalla mafia nella strage di Capaci del 23 maggio 1992 ha incontrato i ragazzi, riflettendo con loro sul significato di termini come "giustizia" e "impegno"

Maria Falcone con i bimbi dell'istituto Cruillas

Giornata da ricordare per gli alunni dell'istituto comprensivo Cruillas, che oggi hanno incontrato Maria Falcone, sorella del giudice ucciso dalla mafia nella strage di Capaci del 1992. Ad accoglierla la preside Aurora Fumo e il corpo docente.

Oltre a vari “angoli laboratoriali” sparsi nel grande e accogliente plesso di via Salerno, i ragazzi hanno ascoltato le parole di Maria Falcone che ha riflettutto con loro su termini come "legalità" e "giustizia". Ha poi ricordato il fratello, dall'infanzia agli anni come magistrato. I dialoghi con gli alunni si sono alternati a momenti di forte commozione nel ricordo delle vittime di mafia.

Il dirigente scolastico Aurora Fumo ha concluso l’incontro sintetizzando gli spunti offerti da Maria Falcone e sottolineando che "legalità vuol dire, innanzitutto, avere senso del dovere. Vuol dire, ancora, ricordare che la propria libertà finisce laddove inizia quella altrui. Significa poi avere consapevolezza e rispetto dei ruoli nel proficuo lavoro improntato alla leale e reciproca collaborazione".

Maria Falcone, circondata dall’affetto dei ragazzi, ha “lasciato il segno” su un murales che si sta realizzando all’ingresso del centro polifunzionale. Una grande festa per ricordare un grande esempio di vita. "Una giornata di approfondimento - ha ricordato il dirigente Aurora Fumo - per promuovere la cittadinanza attiva a scuola, nel quartiere, nella comunità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quella notte d'amore all'Ucciardone, Graviano: "Ho fatto un figlio ed ero al 41 bis"

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • Donna di 52 anni muore al Policlinico, tensione in ospedale: familiari sporgono denuncia

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • L'Arenella e lo Scotto da pagare: dallo "stigghiolaro" a Galati nella rete del racket

Torna su
PalermoToday è in caricamento