Banda del totonero gestiva le scommesse clandestine a Palermo: condanne confermate

La decisione della Corte di Cassazione sui quattro componenti dell’associazione a delinquere che ha "operato" fino al 2010

La Corte di Cassazione ha confermato le condanne per quattro componenti della "banda del totonero", un’associazione a delinquere che fino al 2010 gestiva il settore delle scommesse clandestine in provincia di Palermo. Il tribunale supremo ha confermato le condanne disposte dalla Corte di Appello di Palermo nei confronti di Fabrizio Spoto (2 anni), Leonardo Siciliano (3 anni e 6 mesi), Enrico Splendore (3 anni e 6 mesi) e Paolo Costanzo (2 anni), i cui ricorsi sono stati dichiarati inammissibili.

"Secondo l’accusa - spiega Agipronews - gli imputati avevano organizzato un’associazione che gestiva il settore delle scommesse clandestine tra Palermo, Bagheria e Villabate. Il perno sarebbe stato Splendore, titolare di alcuni centri scommesse ufficiali dove invece sarebbero state raccolte giocate clandestine. In particolare, gli imputati avevano elaborato un programma 'che consentiva di immettere le scommesse in un circuito illecito parallelo, garantendo alla associazione ingenti guadagni in caso di perdita da parte dello scommettitore e riversando, invece, le vincite sulla rete di scommesse autorizzate'.

Per la Cassazione, tutti i ricorsi risultano "manifestamente infondati", generici e "sostanzialmente riproduttivi degli atti di appello", già respinti dal tribunale palermitano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, gli spostamenti della turista bergamasca: "Ha girato per Palermo, indagini su dove è stata"

  • Coronavirus, primo caso a Palermo: turista di Bergamo è positiva

  • Rissa fuori dalla discoteca, ragazzo di 21 anni muore accoltellato a Terrasini

  • Coronavirus a Palermo, i contagiati tra i turisti bergamaschi salgono a tre

  • Coronavirus, Musumeci: "Sospensione lezioni nelle scuole di Palermo e provincia"

  • Incidente in autostrada a Tommaso Natale, morto un automobilista

Torna su
PalermoToday è in caricamento