Assalto all'alba in un distributore, puntano pistola contro benzinaio e rubano incasso

E' accaduto in viale Regione, all'Eni che si trova vicino al Lidl. I banditi appostati in un'area alle spalle dell'impianto avrebbero atteso che l'impiegato svuotasse la colonna del self service. Bottino da oltre 6 mila euro. Indaga la polizia

Il distributore Eni di viale Regione

Sono sbucati da una proprietà alle spalle del distributore di carburante, hanno colto di sorpresa un benzinaio, gli hanno puntato contro la pistola e lo hanno ripulito. Rapina a mano armata questa mattina al distributore Eni di viale Regione Siciliana che si trova a poche decine di metri dal supermercato Lidl. Sull’episodio indagano gli agenti di polizia che hanno ascoltato il racconto della vittima e avviato le ricerche in zona.

I malviventi i sarebbero appostati in un’area recintata che si trova dietro il distributore. Prima di entrare in azione avrebbero aspettato che uno degli impiegati, intorno alle 5,30, aprisse la colonnina del self service per prendere l'incasso. A quel punto hanno scavalcato una ringhiera in metallo e tenendo sotto tiro il lavoratore lo hanno minacciato e spintonato. Quindi si sono fatti consegnare i contanti, poco più di 6 mila euro, e sono fuggiti.

A lanciare l’allarme alle forze dell’ordine è stato il titolare del distributore di carburante che ha chiamato il 113 riferendo di essere stato rapinato da due malviventi che avevano portato via un cospicuo bottino. Gli investigatori hanno acquisito le immagini di alcune telecamere di videosorveglianza che potrebbero aver ripreso l’arrivo o la fuga dei banditi, i quali sembrerebbero essere fuggiti a bordo dell’auto di un complice.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (14)

  • 6 mila euro nella colonna del self-service? da quanto non svuotava il sacco questo benzinaio? Non penso sia il guadagno di una notte.. anche perché non è una stazione di servizio cosi movimentata.. poi apre la colonna alle 5 e mezza del mattino da solo senza aspettare il principale o un collega ecc?? mah sarà perché penso sempre il male e spero di sbagliarmi ma non mi sa tanto di rapina...

    • Magari é una somma un po' gonfiata

    • Lo penso anche io e la Polizia

  • I delinquenti erano molto informati! l' orario, e chi prelevava. forse non bisogna andare a cercare lontano! chi era a conoscenza, Ma Dio mio ci sono gli istituti autorizzati, e pratici per questo lavoro.Rischiare la vita, non ha prezzo.

  • Altri indegni hanno colpito.

  • Matteo il detective!

    • Lo sanno anche i bambini che il primo indiziato è chi fa la denuncia

  • Avatar anonimo di Francesca
    Francesca

     Hanno colto l’occasione visto che alle 5.30 quasi nessuno è sveglio. Il signore stava lavorando perché esiste ancora la gente onesta e in un frazione di secondi si è visto portare via soldi guadagnati con dedizione e onestà. È uno schifo, in quei momenti non sai cosa pensare si è impotenti. Un abbraccio al signore che tutte le mattine nonostante possano succedere queste cose orrende si sveglia e compie il suo dovere. Le auguro di avere solo cose positive.❤️

  • professionisti, a palermo i professionisti operano solo in ambito malavita, nel resto principianti assoluti

  • Ladri in azione alle 5:30 del mattino,mi suona strano, molto strano.

    • Basta rileggere bene l'articolo, e le sembrerà meno strano :)

    • Avatar anonimo di paolino
      paolino

      ma che c è di strano....

      • Lo scoprirà la polizia

        • Senza ombra di dubbio...

Notizie di oggi

  • Politica

    Musumeci: "Per risollevare la Sicilia serve il bisturi, che sia una Pasqua di resurrezione"

  • Cronaca

    "Era ubriaco", Antonio Ingroia bloccato all'aeroporto di Parigi

  • Cronaca

    Il ritardo dell’aereo, lo scalo a Bergamo e il viaggio in pullman: 8 ore per raggiungere Venezia

  • Cronaca

    A maggio un piano straordinario per ripulire la città, si parte dalle periferie

I più letti della settimana

  • "Mi stanno ammazzando": i boia spaccavano le ossa nella stanza degli orrori di via Imera

  • La banda dei falsi incidenti: mutilavano gambe e braccia per truffare le assicurazioni, 42 arresti

  • Mutilavano gambe e braccia per truffare le assicurazioni, i nomi degli arrestati

  • Omicidio in zona via Notarbartolo, strangola la compagna dopo una lite e si costituisce

  • Uccisa dal compagno perché si è rifiutata di fare sesso: "L'ho strozzata con tutta la forza"

  • Incidente in via Lanza di Scalea, auto contromano si schianta contro moto: due feriti

Torna su
PalermoToday è in caricamento