"Sì, sono stato io": prostituta uccisa a colpi di spranga, palermitano confessa

Leopoldo Scalici, disoccupato palermitano di 41 anni, si è costituito: ha ammesso di avere ammazzato una lucciola nigeriana. L'episodio è avvenuto ieri nelle campagne modenesi

L'intervento della polizia dopo il ritrovamento del corpo

Probabilmente sapeva che gli inquirenti già gli erano addosso. Così, Leopoldo Scalici, disoccupato palermitano di 41 anni, si è costituito. Ha confessato di avere ucciso una prostituta nigeriana di 40 anni, Benedita Dan, trovata cadavere ieri mattina nel Modenese, in stradello Toni, ad Albareto. La lucciola sarebbe stata ammazzata a colpi di spranga alla testa e al volto.

Il palermitano si è costituito poche ore dopo il ritrovamento del corpo nella caserma dei carabinieri di Pavullo. Avrebbe raccontato di aver ammazzato la donna dopo un raptus d’ira, come riporta il Resto del Carlino. Non è escluso che l’uomo abbia agito sotto l’effetto di stupefacenti prima o dopo aver consumato il rapporto. Scalici è stato interrogato in Procura, alla presenza del pm titolare delle indagini, Angela Sighicelli, dei carabinieri e della Mobile e, in serata, sottoposto a fermo per omicidio volontario.

L'allarme è scattato intorno a mezzogiorno quando un uomo che portava a spasso il proprio cane ha notato il cadavere di una donna riverso in un fossato e ha dato l'allarme alle forze dell'ordine. E' successo in aperta campagna tra Modena e Albareto. Una zona particolarmente isolata, che viene percorso solo ed esclusivamente dalle poche famiglie residenti o dai mezzi agricoli. Il corpo era riverso in un fossato che separa due poderi. Secondo quanto riportato dai residenti, pare che l'area in questione sia spesso frequentata da coppie che si appartano proprio nel punto in cui é stato ritrovato il cadavere. Si tratterebbe prevalentemente di prostitute e dei loro clienti, che raggiungono l'area appartata provenendo dal villaggio artigianale di Modena Nord non molto distante.

Dopo il ritrovamento del cadavere sono partite le indagini della Squadra mobile. Secondo le prime ricostruzioni pare che la donna sia stata scaricata in mezzo alla campagna dal suo assassino: non si esclude sia stata uccisa altrove, pare con un grosso attrezzo da lavoro. Il cadavere, infatti, presentava almeno due colpi alla nuca e il volto sfigurato dalle botte, inflitte con tutta probabilità con la stessa arma. 

"Non è chiaro se alla base del delitto vi sia anche una ragione economica - ipotizza il Resto del Carlino - non si esclude che Scalici quel rapporto non lo volesse pagare e dinanzi alla richiesta della lucciola abbia impugnato l’arma per poi colpirla fino a ucciderla. Infine si sarebbe sbarazzato del cadavere gettandolo nel fossato, in mezzo alla campagna, coprendolo in parte con gli abiti che Benedita si era sfilata poco prima per l’incontro con quel cliente che, d’un tratto, si è trasformato in spietato assassino. E forse lei ha tentato di gridare ma lì, nelle campagne modenesi che nascondono i segreti di incontri fugaci, nessuno ha sentito la sua voce. Scalici ieri ha bussato alle porte della caserma confessando il delitto". Continuano le indagini di polizia e carabinieri.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (12)

  • oggi la vita umana sembra non avere più valore.

  • Lo aveva piccolo.

  • senza dignità marcisci in carcere

  • Dovrebbe essere condannato all'ergastolo. Figlio di p. Cosa buona non è mai stato.

  • Avatar anonimo di Senzapaura
    Senzapaura

    Si si come un oggetto per poi ritornare nuovamente al comune.

  • Non a caso è nigeriana.

    • Quindi?

    • Avatar anonimo di dav
      dav

      le dovrebbero assegnare il premio "commento intelligente". Ma cosa diavolo significa cio che ha scritto? Ha letto l'articolo? Magari vuole giustificare l'omicidio? Il vostro "capitano" ve lo ha fo**** bene il cervello

      • Dav, ha letto che in Italia s'è insediata la mafia nigeriana e specie a Palermo dove sono state arrestate 19 persone, con tanto di rito d'iniziazione tra l'altro per lo sfruttamento intensivo della prostituzione? Se no si informi, se invece cerca la casa del sindaco vada in Municipio.

        • Avatar anonimo di dav
          dav

          certo é che se vi scandalizzaste cosi tanto per la mafia nostrana cosi come per quella nigeriana, a quest'ora la sicilia sarebbe un posto decisamente migliore. Ma si sa, meglio l'opportunismo, la via facile, meglio fare i duri quando ci conviene... Eppure nel mondo, quando accade un fatto analogo ed è un italiano il colpevole, ci danno immediatamente dei mafiosi. In quel caso noi diventiamo un po i come i nigeriani arrestati qualche giorno fa. Eppure questo non vi scandalizza, meglio fare i duri col c**o degli altri. Siete persino capaci di sviare un omicidio per tirare in ballo altri argomenti sconnessi. Mi raccomando, domenica puntuali in chiesa a battervi il petto eh...

        • Avatar anonimo di dav
          dav

          ahahahahahahha mi fate morire di tenerezza =) 1. sissi ho letto della mafia nigeriana. Mi spiega il nesso con l'articolo, che parla di un omicidio commesso da un palermitano? 2. Sta mica difendendo il palermitano? No perche da quanto mi pare di capire svia il tema dell'articolo (ovvero l'omicidio della donna commesso dal palermitano) sottolineando piuttosto la nazionalità della donna ammazzata.  3. perche dovrei cercare la casa del sindaco? Non sarà mica *COLPADIOLLAANDDOH!!!1!1* se il palermitano ha ammazzato la prostituta? bacioni :D (cit.)

Notizie di oggi

  • Mafia

    "La mafia è stata decapitata, Palermo non permetterebbe mai a Messina Denaro di fare il capo"

  • Politica

    Musumeci: "Per risollevare la Sicilia serve il bisturi, che sia una Pasqua di resurrezione"

  • Cronaca

    Pasqua di sangue in Sri Lanka, Orlando: "Vicino ai nostri concittadini cingalesi e tamil"

  • Cultura

    La Casa delle Farfalle resta aperta per le feste: a Pasqua e Pasquetta orario continuato

I più letti della settimana

  • "Mi stanno ammazzando": i boia spaccavano le ossa nella stanza degli orrori di via Imera

  • La banda dei falsi incidenti: mutilavano gambe e braccia per truffare le assicurazioni, 42 arresti

  • Mutilavano gambe e braccia per truffare le assicurazioni, i nomi degli arrestati

  • Omicidio in zona via Notarbartolo, strangola la compagna dopo una lite e si costituisce

  • Uccisa dal compagno perché si è rifiutata di fare sesso: "L'ho strozzata con tutta la forza"

  • Incidente in via Lanza di Scalea, auto contromano si schianta contro moto: due feriti

Torna su
PalermoToday è in caricamento