Omicidio di Ana Maria, parla l'ex compagno: "Mi ha detto che aspettava un figlio da me"

A Quarto Grado l'intervista all'uomo che ha vissuto una lunga relazione con la trentenne uccisa una settimana fa: "Lei era mia figlia, la mia compagna, la ragazza di cui mi ero innamorato. Il nostro rapporto è andato avanti quasi tre anni ed era finito da poco. Il video all'interno

"Ana era mia figlia, la mia compagna, la ragazza di cui mi ero innamorato. Il nostro rapporto è andato avanti quasi tre anni, ed è durato fino a quattro mesi fa". A parlare in tv, a Quarto Grado, è Giuseppe, l'ex compagno di Ana Di Piazza, la trentenne uccisa dall'amante a Partinico. L'imprenditore Antonino Borgia, di 51 anni, ha poi confessato il delitto. La relazione extraconiugale andava avanti da tempo e Ana, già mamma di un ragazzino di 11 anni, era rimasta incinta.

PARLA L'EX COMPAGNO DI ANA: GUARDA IL VIDEO

"Da tre anni amavo Ana e la rispettavo - ha ammesso Giuseppe nel corso dell'intervista per il programma Mediaset -. Era una bambina che aveva bisogno di tanto aiuto. Anche sua mamma l'adorava. Io non mi vergogno di nulla. Non convivevamo ma era la mia compagna di vita. Sapevo che per via della differenza di età poi ci saremmo lasciati. Ana era incinta, mi aveva detto che questo bambino era mio figlio. Se io fossi stato veramente il responsabile, mi sarei assunto tutte le responsabilità".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La tragedia che ha scosso le comunità di Giardinello e Partinico ma anche il resto d’Italia si è consumata a due giorni dalla Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Un delitto brutale risolto dai carabinieri e dalla Procura in meno di 24 ore. Davanti al pm Borgia ha raccontato com’è nata la loro conoscenza, sostenendo di aver ricevuto da Ana Maria una richiesta di denaro per non raccontare il loro segreto alla moglie del 51enne. "Non ci credo assolutamente - ha detto Giuseppe -. Non posso credere che abbia ricattato quell'uomo o abbia chiesto dei soldi. Io adoravo quella ragazzina. Era diventata una figlia, non era più un rapporto di coppia. Mi spiace che non mi abbia chiesto aiuto. Negli ultimi tempi mi accorgevo che era diversa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mazzette per pilotare appalti da 600 milioni, trema la sanità siciliana: 10 arresti

  • Tragedia per una mamma palermitana: bimbo di 10 anni muore incastrato in un cassonetto per indumenti

  • Donna incinta positiva al Coronavirus ricoverata al Cervello: è tornata a Palermo da Londra

  • Coronavirus, finalmente ci siamo: per la prima volta zero contagi in Sicilia

  • Strage Capaci, Emanuele Schifani e quel papà mai conosciuto: "Non provo odio ma tanta rabbia"

  • Fallito attentato all'Addaura, la rivelazione: "Ecco chi tradì Giovanni Falcone"

Torna su
PalermoToday è in caricamento