Mafia, Dell’Utri resta in carcere: rigettata la richiesta di revisione

I legali dell'ex senatore palermitano chiedevano l'applicazione della sentenza della Corte Europea per i diritti dell'uomo che ha fatto cadere il reato di concorso esterno

Marcello Dell'Utri

La corte d'appello di Caltanissetta ha rigettato la richiesta di revisione presentata dall'ex senatore di Fi Marcello Dell'Utri condannato a 7 anni per concorso in associazione mafiosa con sentenza ormai definitiva. 

La Corte, presieduta dal giudice Andreina Occhipinti, da ieri era riunita in camera di consiglio per esprimersi sulla richiesta di revisione presentata dagli avvocati Francesco Centonze e Tullio Padovani. I giudici hanno deciso anche sulla istanza di sospensione della pena per Dell’Utri presentata dalla Procura generale per gravi motivi di salute: anche questa richiesta è stata respinta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'istanza di revisione del processo che ha portato alla condanna dell'ex senatore poggiava sulla sentenza della Corte Europea dei diritti dell'Uomo (Cedu) che, tre anni fa, condannò l'Italia per avere processato ingiustamente l'ex numero due del Sisde Bruno Contrada, condannato come Dell'Utri per concorso in associazione mafiosa. "Evidentemente - dicono i legali al sito dell'agenzia Ansa - la pronuncia della Cedu, che ha stabilito che il reato di concorso esterno in associazione mafiosa esiste nel nostro ordinamento solo dal 1994, non ha valore per Marcello Dell'Utri".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al ponte Oreto, ragazza si suicida lasciandosi cadere nel vuoto

  • Giovane esce di casa e scompare nel nulla: "Aiutateci a trovarlo"

  • La morte di "Ago" in viale Regione Siciliana, indagata l'automobilista che lo ha investito

  • Rap, presa la "banda di Bellolampo": rubavano gasolio da mezzi e cisterne, 21 arresti

  • Furti di gasolio in discarica, coinvolti dipendenti Rap: i nomi degli arrestati

  • Soccorsa in strada a Ballarò, donna di 30 anni muore prima dell'arrivo in ospedale

Torna su
PalermoToday è in caricamento