Svolta nell'omicidio Fragalà, parla un nuovo pentito: "Il boss Di Giovanni il mandante"

Questa volta a fare questo nome è Francesco Paolo Lo Iacono. Prima di lui, ai pm di Palermo, lo aveva già fatto un altro collaboratore di giustizia, Francesco Chiarello

Svolta sull'omicidio dell'avvocato Enzo Fragalà. Alla vigilia della requisitoria, prevista per l'udienza di domani, la procura di Palermo ha depositato oggi i verbali di un nuovo collaboratore di giustizia, Francesco Paolo Lo Iacono. Il pentito accusa il presunto mandante dell'omicidio. Si tratta di Gregorio Di Giovanni, boss del mandamento di Porta Nuova che era stato arrestato poco tempo fa nell'ambito di un'inchiesta sui traffici di droga della mafia.

Il nome di Di Giovanni, come mandante dell'omicidio, era già stato fatto ai pm di Palermo da un altro pentito, Francesco Chiarello. Ma non furono raccolti indizi sufficienti per proseguire l'indagine. Fragalà, uno dei più noti avvocati di Palermo, fu aggredito nel febbraio del 2010 e morì dopo alcuni giorni di agonia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il catering allo stadio per l'Italia, poi lo schianto mortale: il bar Rosanero piange il suo chef

  • Palmese-Palermo, rissa furibonda tra tifosi rosanero: ci sono feriti

  • Incidente in zona Fiera, perde il controllo della moto e cade: morto 43enne

  • Via Ugo La Malfa, esplode pneumatico: morto gommista di 18 anni

  • Incidente a Corleone, auto sbanda e finisce contro un albero: morto diciannovenne

  • Truffe, droga e rapine: i boss di Brancaccio facevano spaccare le ossa ai disperati, 9 arresti

Torna su
PalermoToday è in caricamento