"Ha la patente sospesa": dopo la multa scatta l'aggressione, vigili finiscono in ospedale

Mattinata di follia in viale Regione Siciliana, all’altezza di via Chiavelli. Le vittime sono due ispettori della polizia municipale. Dopo avere subìto la sanzione, un cinquantaseienne si è ribellato con il figlio e il genero. Tutti e tre sono stati denunciati

Prima la multa, poi le minacce. Quindi l'aggressione. Mattinata di follia in viale Regione Siciliana all’altezza di via Chiavelli. Le vittime sono due ispettori della polizia municipale. L'aggressione è scattata dopo la sanzione nei confronti di un cinquantaseienne. L'uomo era stato sorpreso alla guida di una Fiat Multipla, nonostante avesse la patente revocata "per esito sfavorevole alla visita di idoneità tecnica", dicono dal comando di via Dogali. E' successo ieri.

Dagli uffici della polizia municipale ricostruiscono la vicenda: "Durante la stesura dei verbali da notificare al conducente sono arrivati sul posto il figlio, di 24 anni, ed il genero, di 35 anni. Tutti e tre col chiaro scopo di intimidire i vigili, hanno iniziato dapprima a inveire con frasi ingiuriose e minacce, finendo poi con l’aggredirli".

Entrambi gli ispettori sono stati refertati con prognosi di dieci giorni ciascuno. L’intervento si è concluso con il sequestro della vettura e la sanzione accessoria a carico del conducente prevista dall’articolo 116 del codice della strada che per la reiterazione nella guida senza patente prevede anche l’informativa all’autorità giudiziaria. Tutti e tre sono stati inoltre denunciati per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale, minacce e lesioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Esprimo la mia solidarietà ai due ispettori della polizia municipale e la netta condanna – ha detto il sindaco Leoluca Orlando - verso questo atto incivile che dimostra come certi palermitani siano ancora convinti che esistono delle zone franche sul territorio. Il Comune di Palermo si costituirà Parte Civile nell’instaurando procedimento a carico di questi individui”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente all'Acquapark, giovane batte la testa: ricoverato in gravi condizioni

  • Vendono frutta e verdura con il reddito di cittadinanza in tasca, nei guai 2 fratelli

  • Figlia morta dopo il Gratta e vinci perdente: chiesta condanna a 6 anni per la mamma infermiera

  • Rientra verso il b&b ma si perde e chiede indicazioni, turista picchiato e rapinato

  • "Facciamo sesso a tre o divulghiamo il tuo video hard": condannata coppia che minaccia fidanzata figlio

  • Tuffo all'Acquapark di Monreale, 26enne sarà sottoposto a intervento chirurgico

Torna su
PalermoToday è in caricamento