La Fiera del Mediterraneo chiude i battenti, gli organizzatori: "Boom di visitatori"

La 66esima edizione, durante la quale sono tornati alla luce i padiglioni 11 e 24 e l'area ex casalinghi, si è conclusa l'11 giugno. Tanti i cittadini che grazie al biglietto di euro 2,50 e agli ingressi gratuiti, nei giorni feriali fino alle 19, sono riusciti a visitare il polo

Dopo due settimane di apertura, la Fiera del Mediterraneo, arricchita dei padiglioni 11 e 24 e l'area ex casalinghi, domenica ha chiuso i battenti. “E’ stata la Fiera di tutti – commenta Massimilano Mazzara di Medifiere – e ancora una volta si conferma uno dei poli fieristici più importanti d’Italia. Abbiamo lavorato bene e il gradimento degli imprenditori che hanno scelto di investire e dei visitatori che hanno apprezzato il lavoro fatto e l’organizzazione, sono per noi obiettivi raggiunti e centrati”.

Il biglietto popolare di euro 2,50 e gli ingressi gratuiti nei giorni feriali fino alle 19 hanno permesso a tanti cittadini di visitarla, anche in più giorni. "Migliaia e migliaia i palermitani e i turisti - continua Medifiere - che hanno fatto ingresso e visitato i padiglioni e le aree ristrutturate che hanno allungato la lista delle opere realizzate all’interno del polo fieristico". 

Lo scetticismo dei primi anni sembra dunque aver lasciato spazio al vanto di avere in città di nuovo la più grande Fiera del Mediterraneo e del Sud Italia. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

  • Finanzieri in una palestra di Cefalù, sequestrate attrezzature per il fitness: "Erano contraffatte"

Torna su
PalermoToday è in caricamento