Diritti, workshop sulla carta Euro-mediterranea

Scafidi: "Dotarsi di tali strumenti servirà a compiere ulteriori passi avanti verso una vera e concreta parità fra i sessi"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"La Carta euro-mediterranea per l'uguaglianza tra donne e uomini nella vita locale, per tutela dei diritti e contro ogni discriminazione". È questo il titolo del workshop che si terrà il 28 gennaio alle ore 10 a Palazzo delle Aquile (Sala delle Lapidi) organizzato dal Ciscos/Ugl firmatario, nell'ottobre scorso, a Madrid, della Carta che ha tra gli obiettivi quello di promuovere l'uguaglianza tra donne e uomini come diritto fondamentale. Il contributo femminile è di fatto essenziale allo sviluppo locale e le istituzioni, tra cui gli enti locali e regionali, hanno il compito di favorire condizioni sociali e politiche atte a eliminare ogni forma di discriminazione, abuso o sfruttamento. "In questi ultimi anni - spiega Giusy Scafidi, consigliere comunale e presidente della Quarta commissione - sono stati fatti notevoli passi avanti, come la nuova legge elettorale e la doppia preferenza. Nonostante io sia contraria alle 'quote rosa' - precisa - sono convinta che si tratti di un primo importante strumento per consentire l'accesso delle donne alla politica. In un mondo maschilista, dove le donne sono tuttora discriminate - basti pensare al mondo del lavoro, ad esempio - dotarsi di strumenti come la Carta euro-mediterranea servirà a compiere ulteriori passi avanti verso una vera e concreta parità fra i sessi. Si tratta di una grande responsabilità che adesso passa nelle mani degli amministratori locali che dovranno attuare tutte le politiche necessarie per garantire il diritto di uguaglianza". Presenti all'incontro, oltre al sindaco di Palermo Leoluca Orlando, il consigliere Giusy Scafidi, presidente della Quarta commissione, l'onorevole Renata Polverini, ex segretaria generale dell'Ugl, e Marika Cefalù, delegato Ciscos/Ugl Sicilia, Centro internazionale sindacale per la Cooperazione e lo sviluppo, promotrice del progetto.

Torna su
PalermoToday è in caricamento