Campofelice di Fitalia, sette denunce per assenteismo all'Istituto zootecnico

E' quanto risultato dalle verifiche incrociate fatte sui registri delle presenze. Le indagini sono partite dopo che un dipendente è stato controllato casualmente sulla statale per Campfelice. Passeggiava in auto nonostante fosse ufficialmente a lavoro

I carabinieri durante le verifiche effettuate all'Istituto zootecnico

Lontani dal posto di lavoro nonostante ufficialmente fossero in servizio. Ieri, a Campofelice di Fitalia, i carabinieri hanno denunciato per "assenteismo" sette dipendenti dell'Istituto Sperimentale Zootecnico per la Sicilia. L'indagine è scatta dopo che i militari hanno fermato un lavoratore durante un normale accertamento stradale. Ne è venuto fuori che l'automobilista, dipendente dell'istituto, si trovasse in giro con la macchina durante l'orario di lavoro. Dopo mesi di controlli incrociati sono state accertate numerose incongruenze sui registri delle presenze.

I sospetti dei carabinieri hanno preso piede dopo un controllo casuale effettuato sulla statale per Campofelice. Avendo trovato per strada un lavoratore durante l'orario di servizio, i militari si sono insospettiti del fatto che quell'uomo si trovasse in quel luogo a quella determinata ora. Le verifiche effettuate in un secondo momento sono servite ad appurare come i sette dipendenti, "in date ed orari in cui risultavano presenti al lavoro, erano inequivocabilmente in luoghi diversi rispetto al luogo di lavoro - spiegano i militari -. Da qui la denuncia a piede libero per falsa attestazione in servizio e truffa".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella giornata di oggi sono state notificate ai dipendenti le informazioni di garanzia, nonché l’ente regionale è stato messo a conoscenza in quanto parte lesa. In caso di condanna, salvo patteggiamento o rito abbreviato, gli indagati rischiano fino a 5 anni di carcere, oltre che le sanzioni disciplinari previste che, per casi del genere, possono arrivare fino al licenziamento per giusta causa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto al largo di Palermo, scossa di magnitudo 2.7 avvertita dalla popolazione

  • Via dell'Arsenale, donna si lancia dal balcone e muore

  • Malore mentre fa il bagno al mare, morta una donna a Mondello

  • Figlia morta dopo il Gratta e vinci perdente: chiesta condanna a 6 anni per la mamma infermiera

  • Con lo scooter investì e uccise un anziano e il suo cane, morto un trentenne

  • Suicidio all'Uditore, cinquantenne si getta dalla finestra e muore

Torna su
PalermoToday è in caricamento