"No alla chiusura dei porti": coperte termiche stese sui balconi della sede della Cgil

Sono apparse nella sede della Camera del Lavoro, in via Meli, in segno di solidarietà con i migranti in occasione della Giornata del Rifugiato. Il sindacato La Cgil aderisce così alla campagna ‘Io accolgo’: "Chiediamo il cambiamento delle politiche per l’immigrazione"

Coperte termiche stese sui balconi della Cgil Palermo per dire no alla chiusura dei porti, al decreto Sicurezza, all’esclusione e sì all’accoglienza, alla solidarietà, ai diritti e all’uguaglianza. Le coperte dorate usate per salvare le vite umane durante i soccorsi in mare sono apparse ieri sera nella sede della Camera del Lavoro, in via Meli, 5, in segno di solidarietà con i migranti in occasione della Giornata del Rifugiato.

“L’umanità - scrive in una nota la Cgil palermitana - venga rimessa al centro per sconfiggere l’odio, il razzismo e l’intolleranza, che non possono trovare spazio in una società civile e democratica. Chiediamo il cambiamento delle politiche per l’immigrazione e invitiamo tutta la cittadinanza ad aderire alla mobilitazione contro i muri e i porti chiusi. Soccorrere e salvare i rifugiati e i richiedenti asilo e assicurare la protezione internazionale deve esse la priorità per ogni Paese civile”. 

La Cgil ha aderito con un ampio cartello di associazioni e movimenti alla campagna ‘Io accolgo’ per dare voce alle esperienze di solidarietà e accoglienza diffuse nella realtà italiana. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scene da far west ai Danisinni, sparatoria in strada: tre feriti, coinvolta una ragazza

  • "Battute sui siciliani": milanese cacciato da un b&b in centro

  • La mafia imponeva i suoi buttafuori nei locali notturni: scattano 11 arresti

  • Suicidio in carcere, detenuto palermitano di 20 anni si toglie la vita

  • I boss decidevano i buttafuori dei locali: ecco i nomi di tutti gli arrestati

  • Precipita da una balconata: grave giovane palermitano

Torna su
PalermoToday è in caricamento