Gommisti, ristoratori e pescivendoli: controlli da Bonagia a Ballarò, multe per 17 mila euro

Irregolarità in 3 pescherie su 4, trovati 150 chili di prodotti ittici non idonei al consumo. Sanzionati i titolari di una caffetteria e di un ristorante poi sequestrato. Scovata l'attività di un vulcanizzatore "fantasma" risultato sprovvisto di qualsiasi autorizzazione

Controlli a Ballarò

Gommisti senza autorizzazioni, carenze strutturali e occupazioni abusive di suolo pubblico per caffetterie e pizzerie, ristoranti gestiti abusivamente e pescherie che vendevano prodotti considerati non idonei per il consumo umano. Questo il quadro delle irregolarità riscontrate dagli agenti di polizia del commissariato Oreto-stazione, in collaborazione con la polizia municipale, la guardia costiera e l’Asp, in alcune attività di Ballarò e Bonagia. Elevate sanzioni per un importo complessivo di oltre 17 mila euro. 

Sette le attività passate al setaccio dalle forze dell’ordine nel quartiere del mercato storico. In piazza San Francesco Saverio è stata trovata un’attività di ristorazione (di cui la Questura non ha fornito il nome, ndr) gestita abusivamente. “Al titolare sono state contestate la mancanza della Scia comunale, della Scia sanitaria e l’occupazione abusiva del suolo pubblico”, spiegano dalla polizia. Locale sequestrato e multa da oltre 8 mila euro.

Allarmante il bilancio dei controlli eseguiti nelle pescherie della zona. Tre attività delle quattro controllate sono state sanzionate per la mancata tracciabilità del prodotto ittico. “Ben 150 chili su 170 - aggiungono dalla Questura - non sono stati ritenuti idonei al consumo umano dal personale veterinario dell’Asp e pertanto sono stati avviati alla distruzione. I restanti 20 chili sono stati donati in beneficenza”.

foto locale controlli ballaro 3 dicembre 2018-2

Carenze strutturali, sistema di autocontrollo HACCP incompleto e occupazione non autorizzata di suolo pubblico sono le irregolarità riscontrate in una caffetteria e una pizzeria (di cui non sono stati forniti ulteriori dettagli, ndr). I titolari di entrambi le attività hanno ricevuto una sanzione da 2 mila euro, ma per la pizzeria - che aveva anche un problema alla canna fumaria - è scattato il provvedimento di chiusura momentanea in attesa di ulteriori accertamenti. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A Bonagia è stato effettuato un controllo accurato presso l’attività commerciale di un vulcanizzatore/gommista. Il titolare, pur avendo dichiarato di essere abilitato all’esercizio, è risultato sprovvisto di qualsiasi autorizzazione, a partire dalla Scia comunale. “Gli agenti - concludono dalla Questura - hanno proceduto al sequestro del locale e delle attrezzature utilizzate per svolgere l’attività abusiva”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto al largo di Palermo, scossa di magnitudo 2.7 avvertita dalla popolazione

  • Incidente all'Acquapark, giovane batte la testa: ricoverato in gravi condizioni

  • Figlia morta dopo il Gratta e vinci perdente: chiesta condanna a 6 anni per la mamma infermiera

  • Vendono frutta e verdura con il reddito di cittadinanza in tasca, nei guai 2 fratelli

  • Con lo scooter investì e uccise un anziano e il suo cane, morto un trentenne

  • Suicidio all'Uditore, cinquantenne si getta dalla finestra e muore

Torna su
PalermoToday è in caricamento