"Da anni oscuravano monumento": vigili ripuliscono la Cala, rimossi cartelloni pubblicitari abusivi

Gli uomini del nucleo vigilanza pubblicità della polizia municipale in collaborazione con la Soprintendenza ai beni culturali e ambientali hanno "liberato" un fronte architettonico di un bene monumentale che si trova tra piazza Fonderia e il porticciolo

Quei cartelloni pubblicitari abusivi avevano ormai nascosto un bene monumentale. Intervento dei vigili alla Cala. Gli uomini del nucleo vigilanza pubblicità della polizia municipale in collaborazione con la Soprintendenza ai beni culturali e ambientali hanno restituito alla cittadinanza la fruizione del fronte architettonico di un bene monumentale che si trova tra piazza Fonderia e il porticciolo della Cala.

"L’intervento - spiegano dal comando di via Dogali - nasce dal monitoraggio volto al contrasto all’abusivismo pubblicitario e alla contestuale tutela del patrimonio artistico della città. Si tratta del secondo intervento da gennaio per il contrasto all’installazione di cartelloni pubblicitari su aree sottoposte a vincolo monumentale".

Dal sopralluogo è emerso che a copertura quasi totale del rudere c'erano quattro cartelloni pubblicitari che avevano dimensioni tali da nascondere il bene architettonico per anni senza la preventiva autorizzazione del Soprintendente per la valutazione relativa all’aspetto, al decoro e alla pubblica fruizione. I cartelloni sono stati trasferiti in un altro posto non sottoposto a vincolo e le ditte proprietarie degli impianti sono state segnalate all’autorità giudiziaria per aver deturpato un bene di rilevanza storica e ambientale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In tal senso - chiudono dal comando di via Dogali - sono in corso di accertamento 18 luoghi su cui insiste il vincolo della Soprintendenza ai beni culturali e che non possono essere utilizzati per l’istallazione in forma temporanea o permanente. Si tratta di: piazza Unità d’Italia e Villa Sperlinga, le Falde di Montepellegrino, piazza Cappuccini, via dei Benedettini, Villa Trabia, l’Opera Pia Santa Lucia, Villa Baucina Pottino, muro di viale del Fante, complesso monumentale Villa Sofia, Mondello, piazza Acquasanta, Stand Florio di via Messina Marine, Tonnara Bordonaro, cimitero Rotoli, ex Reale Ospizio di Beneficenza Carlo Giachery, ex Ospedale Psichiatrico, chiesa di San Sebastiano di via Cala".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mazzette per pilotare appalti da 600 milioni, trema la sanità siciliana: 10 arresti

  • Tragedia per una mamma palermitana: bimbo di 10 anni muore incastrato in un cassonetto per indumenti

  • L'incidente di Bonagia, lacrime a "Dallas": morto diciottenne

  • Donna incinta positiva al Coronavirus ricoverata al Cervello: è tornata a Palermo da Londra

  • Coronavirus, finalmente ci siamo: per la prima volta zero contagi in Sicilia

  • Fallito attentato all'Addaura, la rivelazione: "Ecco chi tradì Giovanni Falcone"

Torna su
PalermoToday è in caricamento