Biagio Conte incontra l'arcivescovo di Milano: "Divento immigrato contro la divisione dei popoli"

Il missionario laico, che sta facendo un cammino per l'Italia e l'Europa sulle orme degli emigranti italiani, ha parlato con il religioso di diritti umani: "Spero in un mondo migliore affinché ognuno di noi possa contribuire a essere costruttore di vera giustizia e di vera pace"

Biagio Conte a Milano

Continua il cammino di Biagio Conte, fondatore della Missione Speranza e Carità, per l'Italia e l'Europa. Il missionario laico che si è fatto esule dall'Italia sulle vie dei migranti, ha incontrato l'arcivescovo di Milano Mario Delfini poco dopo la fine della messa nella chiesa Santa Maria della Sanità, nel capoluogo lombardo. Hanno parlato di diritti umani e Biagio Conte ha raccontato della sua decisione di vivere da emigrante italiano che diventa immigrato nei Paesi stranieri.

"Lascio Palermo, mi sento profondamente umiliato" | VIDEO

"Sarò anch'io un immigrato - ha detto  - uno straniero in terra straniera così finalmente potrò condividere ed essere solidale con i tanti fratelli e sorelle emigranti italiani e con i tantissimi fratelli e sorelle immigrati di tutto il mondo. Non accetto le ingiustizie e la divisione dei popoli, l'intolleranza e le discriminazioni. Ma spero in un mondo migliore affinché ognuno di noi possa contribuire a essere costruttore di vera giustizia e di vera pace".

L'arcivescovo ha ascoltato e benedetto il missionario palermitano. Biagio Conte è partito da Palermo con il traghetto arrivando a Genova, dove ha cominciato il cammino a piedi. Dopo Milano, raggiungerà Svizzera, Olanda, Germania, Lussemburgo, Danimarca. Sta facendo il cammino sulle orme degli emigranti italiani. Andrà al Parlamento Europeo "per costruire - spiega il missionario - la tanto attesa Unione Europea e al più presto quella mondiale per edificare così tutti insieme un mondo migliore nel rispetto di tutti gli esseri umani, dell'ambiente e della natura".  

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scene da far west ai Danisinni, sparatoria in strada: tre feriti, coinvolta una ragazza

  • "Battute sui siciliani": milanese cacciato da un b&b in centro

  • La mafia imponeva i suoi buttafuori nei locali notturni: scattano 11 arresti

  • Suicidio in carcere, detenuto palermitano di 20 anni si toglie la vita

  • I boss decidevano i buttafuori dei locali: ecco i nomi di tutti gli arrestati

  • Precipita da una balconata: grave giovane palermitano

Torna su
PalermoToday è in caricamento