menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Ballarò, rimproverano bimbi e "branco" organizza raid punitivo con incendio

Tre nigeriani sono rimasti intossicati per il fumo. Familiari dei bambini e residenti si sono vendicati dando alle fiamme il portone dell'abitazione dei tre extracomunitari

Un rimprovero "di troppo" ad alcuni ragazzini e scatta il raid punitivo, con tanto di incendio e tre persone rimaste intossicate. E' accaduto ieri in vicolo Vannucci, a Ballarò. I carabinieri hanno fatto luce su quella che all'inizio sembrava una rissa tra migranti.

Le tre vittime - un 44enne, un 37enne d un 27enne di nazionalità nigeriana - sono state portate al Policlinico per accertamenti. Uno di loro ha raccontato ai militari che poco prima avevano ripreso dei ragazzini che giocavano a calcio nella piazzetta antistante la propria abitazione, allontanandoli. Un rimprovero evidentemente mal digerito dai familiari dei bambini, che sono intervenuti per vendicarsi. "I minori - spiegano i carabinieri - sono ritornati accompagnati da una ventina di persone, tra parenti e residenti in zona, armati di mazze e bottiglie contenenti liquido infiammabile. Gli aggressori in pochi secondi sono passati dalle minacce alle vie di fatto. Mentre i tre si sono barricati in bagno, il gruppo ha sfondato la porta d’ingresso appiccando le fiamme che in un attimo hanno avvolto l’appartamento riempiendolo di fumo, riuscendo a scappare da una finestra".

Al momento solo il più giovane dei tre malcapitati si trova ancora in ospedale, in osservazione nel reparto di Medicina, mentre gli altri due sono stati dimessi. I carabinieri stanno indagando per identificare i componenti del gruppo punitivo.

I militari nelle ultime ore hanno passato al setaccio il quartiere. Tre giovani palermitani, tra cui un minorenne, sono stati denunciati in stato di libertà per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente con il contestuale sequestro di 10 grammi di hashish; due persone, un palermitano e un extracomunitario, sono stati denunciati per furto di energia elettrica; due palermitani, titolari di altrettanti pub-birreria, devono rispondere di occupazione di suolo pubblico e omessa attuazione delle procedure di autocontrollo con sanzioni per 3.200 euro.

Potrebbe interessarti

Commenti (2)

  • Ma il problema sono i migranti eh? Mi raccomando concentriamoci su quello....

  • mi pare di capire che il raid punitivo non sia riuscito...

Più letti della settimana

  • Cronaca

    Sposo colpito in pieno volto dal drone, il matrimonio finisce in ospedale

  • Incidenti stradali

    Addio Alessandro Nasta, anima delle notti palermitane: "Difficile non vederti ridere"

  • Incidenti stradali

    Incidente in via Pietro Bonanno, si ribalta con l'auto: morto Alessandro Nasta

  • Incidenti stradali

    Gli amici piangono Alessandro Nasta: più di mille per i suoi funerali

Torna su