Negoziante minacciato con un coltello, familiari rapinati nel retrobottega: 2 arresti

Il colpo risale ad ottobre 2017, in corso Calatafimi. Grazie ai testimoni, alle immagini della videosorveglianza e alle indagini la polizia è riuscita a risalire all'identità dei rapinatori

(foto archivio)

Si sono soffermati davanti alle vetrine di un negozio scrutando le ultime offerte sugli smartphone, poi sono entrati e hanno minacciato il titolare del negozio con un coltello a serramanico. Dopo un anno di indagini sono stati arrestati due giovani del Capo, il 25enne Diego Gennaro e il ventenne Nicolò Vitello, considerati i responsabili di una rapina messa a segno il 4 ottobre 2017 in corso Calatafimi.

Quel giorno, secondo quanto ricostruito dagli investigatori, i due sono riusciti a trarre in inganno il commerciante presentandosi davanti al negozio a volto scoperto: "Ritenendoli possibili acquirenti - spiegano dalla Questura - ha aperto la porta d’ingresso, ma una volta dentro i due giovani hanno palesato i loro propositi criminosi. Gennaro ha estratto dalle tasche del giubbotto un grosso coltello puntandolo contro il titolare: ‘Dammi i picciuli’".

Il secondo malvivente, invece, si è diretto nel retrobottega sorprendendo due familiari del titolare del negozio, anche loro minacciati e derubati dei rispettivi cellulari. "Dopo il colpo - aggiungono dalla polizia - i due sono fuggiti a piedi, non prima di aver minacciato ulteriormente il commerciante per evitare che chiamasse le forze dell’ordine". A quel punto i rapinatori si sono allontanati con 150 euro e tre smartphone.

L’attività d’indagine degli agenti del commissariato Porta Nuova, tra le testimonianze dei presenti e le immagini di videosorveglianza, hanno consentito loro di individuare Gennaro. "Gli ulteriori accertamenti sulla sua persona e le sue abituali frequentazioni - concludono dalla questura - hanno fornito sufficienti indizi sull’identità del complice, poi individuato in Vitello".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (12)

  • Purtroppo dopo L arresto ci sta la magistratura che non funziona perché ancora totalmente radicalizzata e fondamentalista della sinistra! Ci vorrebbe cambiamento vero li dentro

  • 120euro e 3 cellulari. Fate schifo. Cambiate mestiere,

  • Taser e pure uno spray al peperoncino.

  • Basterebbe mozzare le mani...

  • Avatar anonimo di 800a
    800a

    Tutta la famiglia pregiudicata e galeotta...non si salva nessuno...

  • Avatar anonimo di Tony
    Tony

    Scecchi a scuola e scecchi nella vita

  • speriamo almeno che un anno di indagini e quindi tempo e denaro per acciuffarli, serviranno a qualcosa, altrimenti si poteva risparmiare, tutto questo traffico inutile.

  • Fotografie di questi farabutti, grazie.

    • e poi che fai,,,,,,,,

      • Li memorizza.

      • E poi che fai,,,,,,,

  • A Discarica subito ...

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Orlando ci ripensa: "Niente sospensione della Ztl per il Black Friday"

  • Politica

    Palermo-Agrigento e passante, sindacati edili incontrano Toninelli: "A rischio 100 lavoratori"

  • Politica

    Luigi Di Maio sabato a Palermo: il vicepremier atteso anche a Corleone

  • Cronaca

    "Scaricò rifiuti pericolosi a rischio infettivo anche a Palermo": sequestrata la nave Aquarius

I più letti della settimana

  • Commercianti denunciano il pizzo, il pentito parla: 10 arresti per mafia a San Lorenzo

  • Fidanzati scomparsi da due giorni, il papà del ragazzo: "Li abbiamo trovati, stanno bene"

  • Si allontana da casa della nonna ad Altavilla: giovane scompare insieme alla sua ragazza

  • Il pestaggio di Giovanni Caruso, denunciato un trentenne: "E' lui l'aggressore"

  • Palermitano da record: "A 55 anni sono il bisnonno più giovane d'Italia"

  • Pentito telefona a Calí: "Tu numero uno degli sbirri, pronte due pistole per ucciderti"

Torna su
PalermoToday è in caricamento