Servizio Civile con Telefono Azzurro, spazio per 28 giovani in un progetto anti bullismo

Ricerche per le sedi di Roma, Milano, Torino, Firenze, Napoli, Palermo e Treviso. Il progetto mira a “educare al contrasto del bullismo e cyberbullismo e diffondere la cultura del contrasto della violenza contro i minori, online e offline”

Telefono Azzurro onlus seleziona 28 giovani volontari, tra i 18 e i 28 anni, all’interno del piano servizio civile nazionale con il progetto “Bullismo? No grazie” per le sedi di Roma, Milano, Torino, Firenze, Napoli, Palermo e Treviso.

Il progetto “Bullismo? No grazie” vuole attivare momenti di confronto tra giovani, organizzare incontri tematici nelle scuole locali rivolti agli studenti (8-17 anni), organizzare attività formative rivolte agli operatori giovanili, produrre e diffondere materiali di supporto alla comunicazione sulle tematiche del bullismo e del cyberbullismo.

Il progetto che Telefono Azzurro propone, ha come obiettivi primari “Educare al contrasto del bullismo e cyberbullismo” e “Diffondere la cultura del contrasto della violenza contro i minori, online e offline”. Si tratta di un’occasione unica per tutti i giovani interessati a vivere un periodo di 12 mesi affermando in prima persona i diritti dei bambini e degli adolescenti, attraverso un’esperienza di crescita, di formazione, di acquisizione di capacità e di competenze, così da porre l’attenzione verso i bisogni del territorio in cui il progetto si inserisce e all’impatto sulla società civile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il catering allo stadio per l'Italia, poi lo schianto mortale: il bar Rosanero piange il suo chef

  • Incidente in zona Fiera, perde il controllo della moto e cade: morto 43enne

  • Via Ugo La Malfa, esplode pneumatico: morto gommista di 18 anni

  • Palmese-Palermo, rissa furibonda tra tifosi rosanero: ci sono feriti

  • Truffe, droga e rapine: i boss di Brancaccio facevano spaccare le ossa ai disperati, 9 arresti

  • Un pentito: "Messina Denaro nascosto nella cantina di un palermitano in Veneto"

Torna su
PalermoToday è in caricamento