Bimbi a casa, che fare? Te lo dice bambinipatapum.it

Realizzato con la collaborazione di due servizi educativi di Palermo, è online dal 6 aprile il nuovo portale promosso da Mission Bambini insieme a Con i Bambini, per supportare i genitori di bambini d’età 0-6 anni con una ricca proposta di attività da svolgere in casa.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

A causa dell’eccezionale emergenza legata al diffondersi del virus e della conseguente malattia Covid-19, con nidi e scuole dell’infanzia chiusi tanti genitori da settimane stanno trascorrendo le loro giornate dentro le mura domestiche insieme ai figli. Parliamo di bambini dai pochi mesi ai 6 anni d’età, che hanno bisogno di stimoli continui per un armonico sviluppo psico-fisico. In particolare gli esperti sono concordi nel riconoscere un’importanza cruciale per una sana crescita ai primi tre anni di vita del bambino. Ma come possono i genitori, da soli e magari impegnati con telelavoro o smartworking, sostituirsi ai servizi educativi per la prima infanzia e dare una valenza anche pedagogica a questa nuova quotidianità?

In loro soccorso arriva il portale promosso e realizzato da Mission Bambini, Fondazione attiva da 20 anni a sostegno dell’infanzia in difficoltà: si chiama “Patapum! Genitori catapultati in casa” (www.bambinipatapum.it) ed offre una vasta gamma di proposte per creare, giocare, fare musica, cucinare, leggere insieme e molto altro. Il valore aggiunto dell’iniziativa è rappresentato dal fatto che le attività sono state ideate e vengono proposte attraverso video-tutorial proprio dagli educatori e dagli specialisti che lavorano nei servizi alla prima infanzia partner della Fondazione, tra cui anche due servizi educativi di Palermo gestiti da cooperativa sociale Pueri e da Associazione Kala Onlus. “In oltre 15 anni di attività, più di 2.500 bambini e famiglie di Palermo hanno frequentato i nostri servizi educativi alla prima infanzia – dichiara Stefania Guccione, referente della cooperativa sociale Pueri.

Ora la sospensione dei servizi sta creando seri problemi a famiglie, bambini e strutture educative. Il nuovo portale bambinipatapum.it rappresenta una delle poche opportunità per famiglie e bambini di mantenere un contatto con il “quotidiano educativo”. Trovare materiale, consigli, video, tutorial, permette ai genitori di riprendere le fila del percorso educativo avviato a scuola per tanti bambini che, altrimenti, sarebbero lasciati per troppo tempo al “magico tablet”. L’idea di continuare il percorso, di inventarsi “assistenti educatori”, di provare l’emozione del fare insieme, è accolta da tanti genitori con entusiasmo. Al portale abbiamo affiancato un lavoro di “programmazione”, proponendo alle famiglie una routine e una propedeuticità delle attività compatibilmente con le competenze dei bimbi”.

“Le famiglie dei bambini che frequentavano la nostra ludoteca interculturale “Il Giardino di Madre Teresa” presso il quartiere Albergheria nei pressi del mercato storico di Ballarò a Palermo, sono in molti casi composte da immigrati in situazione di disagio con alloggi precari – dichiara Rosita Marchese, Presidente di Associazione Kala Onlus, che gestisce il servizio. Ora con la chiusura forzata del servizio la permanenza in casa per molti nostri bambini è complessa, perché vivono in spazi abitativi di fortuna, piccoli e inadeguati per mancanza di luce solare, la tv diventa unico strumento di gioco. La nuova piattaforma bambinipatapum.it può avere una forte valenza per garantire continuità ai percorsi di apprendimento e di gioco, fornendo utili spunti ai genitori. Alcuni bambini che presentavano già disturbi del comportamento, stanno manifestando cambiamenti dell’umore e del sonno. Per le loro famiglie stiamo attivando un counseling telefonico: vogliamo supportarle in questo difficile momento, ampliando le loro conoscenze sulle modalità più idonee per la gestione dei figli”.

La cooperativa sociale Pueri e l’Associazione Kala Onlus di Palermo sono tra i 12 partner del progetto nazionale “Servizi 0-6: passaporto per il futuro” promosso da Mission Bambini e selezionato dall’impresa sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. Obiettivo del progetto, avviato nel 2018, è di offrire opportunità educative di qualità ad oltre 1.500 bambini di età 0-6 anni, appartenenti a famiglie in difficoltà che vivono in contesti caratterizzati da forte povertà economica ed educativa. Proprio per rispondere alle esigenze dei genitori dei bambini che frequentavano nidi e scuole dell’infanzia partner del progetto - ed accogliendo l’invito di Con i Bambini ad attivare sistemi educativi a distanza in risposta all’emergenza - Mission Bambini ha deciso di realizzare il portale bambinipatapum.it, rivolto però al contempo a tutti i genitori interessati, gratuitamente.

Il portale può essere navigato oltre che per tipo di attività anche per fascia d’età (0-3 oppure 4-6 anni) e per tipo di competenza da sviluppare: apprendimento, movimento, autonomia, linguaggio, socialità. Una sezione dedicata alle “buone pratiche” fornisce inoltre utili consigli su come organizzare la giornata, come raccontare il coronavirus ai bambini e come comportarsi dal punto di vista igienico-sanitario in questa fase di emergenza. Infine, grazie alla disponibilità di educatori, psicologi e pedagogisti che lavorano nei servizi alla prima infanzia partner del progetto “Servizi 0-6: passaporto per il futuro”, è possibile usufruire - su richiesta - di un supporto personalizzato. Il portale bambinipatapum.it è online dal 6 aprile 2020 e rimarrà attivo anche una volta terminata la fase di emergenza. Tutti i contenuti sono accessibili gratuitamente. Per ulteriori informazioni: www.pueri.it; www.kalaonlus.org, kalaonlus@gmail.com.

Torna su
PalermoToday è in caricamento