Tutti pazzi per Buscetta: arriva serie tv su Don Masino, sarà vista ovunque nel mondo

Le riprese si svolgeranno a partire dal prossimo maggio 2020 tra Sicilia, Milano, Brasile, Messico e New York. Il budget del progetto dovrebbe essere superiore ai 15 milioni di dollari

Le riprese si svolgeranno a partire dal prossimo maggio 2020 tra Sicilia, Milano, Brasile, Messico e New York e nel frattempo inizierà la caccia ai registi e agli attori. E' tutto pronto per la serie tv dedicata a Don Masino Buscetta. Netflix, Amazon e altre piattaforme di streaming sono già state contattate da Mediaset e da Pietro Valsecchi di TaoDue con la proposta di realizzare gli otto episodi incentrati sulla figura del boss dei due mondi.

Secondo quanto riporta in esclusiva il sito Variety, Mediaset e TaoDue vogliono replicare i recenti accordi stretti con Amazon per Made in Italy (proprio di TaoDue) e con Netflix per la realizzazione di sette film. Don Masino andrebbe prima in tutto il mondo su Netflix o Amazon o sulla piattaforma di streaming con cui sarà realizzata e poi solo successivamente su Canale 5. Buscetta è un vecchio pallino di Pietro Valsecchi. Stava pensando a una fiction sul pentito di Cosa nostra da anni ma alla fine è stato battuto da Il Traditore, film di Marco Bellocchio presentato a Cannes.

Già scelto il titolo della serie tv: Don Masino. Il budget del progetto dovrebbe essere superiore ai 15 milioni di dollari e alcuni finanziatori tedeschi e brasiliani sarebbero stati subito coinvolti. Verrà ripercorsa l'intera storia di Buscetta, dalla sua ascesa nei ranghi di Cosa Nostra negli anni '50 al momento in cui decise di collaborare con la giustizia. Cresciuto in una famiglia poverissima, ultimo di 17 figli, Buscetta si schierò contro i Corleonesi di Totò Riina nel primo grande "tradimento" nei ranghi di Cosa Nostra, dopo che una guerra di mafia aveva portato al massacro della sua famiglia.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quella notte d'amore all'Ucciardone, Graviano: "Ho fatto un figlio ed ero al 41 bis"

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • Donna di 52 anni muore al Policlinico, tensione in ospedale: familiari sporgono denuncia

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

  • L'Arenella e lo Scotto da pagare: dallo "stigghiolaro" a Galati nella rete del racket

Torna su
PalermoToday è in caricamento