Martedì, 27 Luglio 2021
Moda & Movida

Opinioni

Moda & Movida

A cura di Piero Cascio

Resuttana-San Lorenzo

La notte dell’Immacolata per Bob Marley

Sul palco di Sanlorenzo Mercato arriva Richard Wright, giamaicano, cantante e musicista polivalente. Con lui e la sua band anche numerosi altri artisti. Una festa del reggae

Raymond Wright

Per un’intera serata le note di alcuni dei più grandi successi di Bob Marley risuoneranno a Sanlorenzo Mercato. Domani (7 dicembre) a partire dalle 21.30 si apre la Notte Bob Marley, un omaggio al leader assoluto del movimento reggae. Suoneranno artisti d’eccezione, primi fra tutti Raymond Wright & The Fucking Band, direttamente da Kingston, per celebrare un'icona che, a 36 anni dalla scomparsa, continua a far parlare di sé e della Giamaica. 

Sulla scena anche tanti ospiti speciali, giunti per l’occasione per rendere il proprio personale tributo: da Filippo Cannino a Fabrizio Francoforte, da Filippo Verna a Placido Amato, e poi Antonino Di Marco, Margherita Avvento e altri.

In scaletta i brani più celebri come Could you be loved, JammingGet up stand up, passando per i pezzi anche più roots come Natural mystic, War, Crazy baldheads, senza tralasciare le intramontabili canzoni d'amore come One love, Stir it up, Waiting in vain e  tutte le altre che lo hanno reso immortale e parte integrante della storia della musica come I shot the sheriff, One drop, Iron lion zion. E al centro della performance di Raymond Wright ovviamente il brano simbolo della produzione di Marley, No woman no cry, un invito a non fermarsi di fronte alle difficoltà, alla miseria, alle ingiustizie. Bob volle che i diritti fossero intestati all’amico d’infanzia Vincent Ford, proprietario di un locale che era come la mensa dei poveri di Trenchtown, il ghetto di Kingston in Giamaica dove Marley è cresciuto. Le entrate provenienti dai diritti di NWNC hanno assicurato la sopravvivenza della mensa nel tempo.

Wright la esalterà alla sua maniera. Grazie alla padronanza della voce, Raymond viene spesso paragonato a grandi artisti tra cui Luther Vandross, Beres Hammond, Barry White. Nato a Kingston il 14 novembre del 1971, possiede sin da giovanissimo un vero talento musicale. Oltre a cantare, suona la batteria, la chitarra, il basso e le tastiere. 

Bob Marley ha reso il reggae un linguaggio universale e immediatamente comprensibile a tutti. Amato e celebrato in tutto il mondo come musicista, in Giamaica fu, ed è tutt'oggi, considerato soprattutto un leader politico, spirituale e religioso di fede rasta. Nato il 6 febbraio 1945, Marley iniziò presto a dedicarsi alla musica, individuando nel reggae il ritmo ideale per trasmettere il suo messaggio di pace a favore dell'unione dei popoli di colore, della libertà e dell'uguaglianza. Un pensiero e una figura rimasti vivi più che mai, anche dopo che la malattia lo portò via l'11 maggio 1981 all'età di 36 anni.

Si parla di

La notte dell’Immacolata per Bob Marley

PalermoToday è in caricamento